Home News Fabrizio Corona brutalmente aggredito a Milano. Ecco che cosa è successo

Fabrizio Corona brutalmente aggredito a Milano. Ecco che cosa è successo

CONDIVIDI

Fabrizio Corona ed alcuni suoi collaboratori si trovavano a Rogoredo, in provincia di Milano, per girare un servizio televisivo, ma questi sono stati brutalmente aggrediti, è stato necessario l’intervento dei carabinieri e del 118. Ecco che cosa è successo.

Fabrizio Corona è stato brutalmente aggredito nel “boschetto della droga” a Rogoredo, in provincia di Milano, la piazza di spaccio più grande del Nord Italia. L’ex re dei paparazzi, si trovava li insieme ad alcuni collaboratori e le telecamere nascoste, per girare un servizio televisivo. Ma alcuni uomini lo hanno subito riconosciuto e hanno raggiunto Fabrizio Corona e i suoi collaboratori, pestandoli brutalmente e derubandoli. E’ stato necessario l’intervento dei carabinieri e del 118.

Fabrizio Corona, “Siamo stati pestati con le mani e con i bastoni”

Un collaboratore dell’ex paparazzo dei Vip, Luca Cerchioni,  a seguito dell’aggressione dichiara:

“Siamo stati pestati con le mani e con i bastoni. Siamo stati derubati. Corona non ha più i documenti e il cellulare, io non ho più i documenti”

Fabrizio Corona racconta poi la drammatica vicenda sul suo profilo di Instagram, postando la foto di lui sulla barella dell’ambulanza, mentre viene assistito dai soccorritori. Lo scatto è accompagnata dalla seguente didascalia:

“Stasera mi sono recato al Bosco di Rogoredo, patria nazionale dello spaccio italiano, dove anche la polizia si rifiuta di entrare. Mentre le uniche inchieste realizzate sono state fatte di giorno da giornalisti accompagnati da polizia di scorta a circondare la zona”

Poi Corona aggiunge che a differenza di altri giornalisti, accompagnati dalla scorta delle forze dell’ordine, si è recato li da solo, assieme ad un operatore fonico. Ecco cosa ha raccontato:

“io mi sono recato lì solo con un operatore e un fonico per raccontare il parallelismo della mia tossicodipendenza e quella che colpisce l’Italia e la povera gente che vede uno stato inerme e una polizia disinteressata. Tutto questo solo per raccontare in maniera oggettiva, come ho sempre fatto, la realtà”

L’ex paparazzo e il suo operatore fonico fortunatamente non hanno riportato nessuna lesione grave.

Ecco il post di corona su Instagram: