Home News USA, ex modella accusa Trump di molestie sessuali: ‘Le sue mani mi...

USA, ex modella accusa Trump di molestie sessuali: ‘Le sue mani mi palpavano’

CONDIVIDI

Amy Dorris confessa le molestie di Donald Trump: ‘Mi ha infilato la lingua in bocca’. Il presidente nega qualunque coinvolgimento.

Amy Dorris accusa Tump di molestie sessuali

L’ennesima accusa di molestie sessuali a carico di Donald Trump: l’ex modella Amy Dorris confessa al The Guardian che il presidente americano l’ha molestata.

Trump accusato di molestie

C’è una lunga lista di donne che negli anni hanno confessato di esser state molestate da Donald Trump: Jessica Leeds, Samantha Holvey, Cassandra Searles e molte altre.

In totale oggi sono ben 25 le donne che hanno denunciato Trump di molestie sessuali.

L’ultima donna a raccontarsi è stata l’ex-modella Amy Dorris.

Amy Dorris confessa: ‘Ero sotto Shock’

In un’intervista al The Guardian Amy Dorris ha confessato che nel 1997 Trump ha cercato di approfittarsi di lei.

All’epoca era un’attraente modella 24enne e l’attuale presidente americano era un importante business-man amico del fidanzato della Dorris.

Amy Dorris ha dichiarato al giornalista durante l’intervista:

Mi ha infilato la lingua in bocca mentre cercavo di spingerlo via

Proprio in quel momento di rifiuto, racconta la donna, Trump ha maggiormente stretto la presa su di lei tenendola immobilizzata come in una morsa.

La donna faceva fatica a dimenarsi mentre veniva toccata e palpata in ogni parte del corpo:

le sue mani mi palpavano il sede**, i seni, la schiena: tutto!

Una vera e propria violenza quella fatta all’ex-modella che per liberarsi dalle mani del suo aggressore ha dovuto mordergli la lingua con forza.

Gli avvocati del presidente Trump hanno negato qualsiasi tipo di coinvolgimento in questa storia. Sono molti i testimoni che confermano i fatti raccontati dalla Dorris: amici, genitori e anche il suo terapista.

Quando Trump ha assalito l’ex-modella erano fuori dalle toilette VIP. Al primo gesto inappropriato Amy Dorris aveva intimato a Donald Trump di smetterla subito ma lui non si fermò.

La donna si è sentita violata alla fine dell’aggressione ma in quel momento, ha dichiarato, non aveva ancora metabolizzato cos’era successo e tornò subito a divertirsi senza dire niente a nessuno.

Negli anni racconta di aver negativamente subito quell’episodio motivo per cui si confidò anche con familiari, amici e terapista.

Perché confessare solo ora?

C’è chi si domanda come mai la donna abbia confessato soltanto adesso la violenza subita e proprio durante l’intervista la Dorris spiega il perché.

Come si legge su Repubblica, la donna ha due figlie gemelle di 13 anni e non intende impartirgli insegnamenti sbagliati. Vuole che le sue figlie imparino a difendersi, come ha fatto lei in quella situazione.

La Dorris ha con fermezza dichiarato che non vorrebbe mai che le sue figlie permettessero a qualcuno di abusare in qualunque modo di loro. Per questo motivo ha deciso di confessare tutto: vuole dimostrargli che si può dire ‘No’ e vincere.

Nel 2016 aveva pensato di raccontare tutta la verità quando altre donne avevano confessato gli abusi subiti ma un senso di paura e timore l’aveva pervasa. Rinunciò a parlare.

Temeva che la sua famiglia potesse subire gravi ripercussioni e perciò decise di non dire nulla. Dopo 4 anni, nel 2020, ha capito che era ora di parlare e dire la verità sull’attuale candidato al premio Nobel per la pace e presidente degli USA.