Home Politica Recovery Fund, Austria e Olanda presentano un’alternativa al piano di fondi franco-tedesco

Recovery Fund, Austria e Olanda presentano un’alternativa al piano di fondi franco-tedesco

CONDIVIDI

EU Recovery Fund: la posizione dell’Austria, Olanda, Danimarca e Svezia

Un gruppo di Stati dell’Unione Europea contrari alle spese dell’Euroblocco presenterà una controproposta ai piani franco-tedeschi per un fondo di recupero del coronavirus da 500 miliardi di euro (547 miliardi di dollari), ha riferito martedì il Cancelliere austriaco Sebastian Kurz.

Lunedì il Presidente francese Emmanuel Macron e il Cancelliere tedesco Angela Merkel hanno proposto il fondo per offrire sovvenzioni e non prestiti ai settori più colpiti dell’UE.

Ma l’Austria, i Paesi Bassi, la Danimarca e la Svezia si sono opposti all’accordo franco-tedesco nell’emettere titoli di debito comune degli Stati membri.

EU Recovery Fund, la posizione dell’austriaco Kurz

“Siamo scettici”,

ha detto Kurz al quotidiano Oberoesterreichische Nachrichten,

“La nostra posizione è chiara: vogliamo mostrare solidarietà nei confronti degli Stati membri dell’UE, che sono stati colpiti in modo particolarmente duro dalla crisi, ma crediamo che i prestiti siano la strada giusta, non le sovvenzioni”.

Kurz ha parlato con i suoi colleghi olandesi, danesi e svedesi lunedì e hanno condiviso la stessa posizione.

“Nei prossimi giorni presenteremo una proposta con le nostre idee.

Riteniamo che sia possibile stimolare l’economia europea ed evitare una mutualizzazione del debito”,

ha affermato il conservatore Kurz.

Francia e Germania, i cui accordi di solito aprono la strada a più ampi accordi dell’UE, hanno proposto alla Commissione europea di prendere in prestito i soldi per conto dell’intera UE e di spenderli come integrazione del bilancio dell’UE per il 2021-2027, che è già vicino a 1 trilioni di euro in quel periodo.

L’austriaco Kurz ha affermato che è “legittimo” per Francia e Germania presentare la propria proposta, ha aggiunto che deve essere

“decisa da tutti gli Stati membri dell’UE”.

EU Recovery Fund, la posizione dell’Olanda

Il primo ministro olandese Mark Rutte, ha riferito:

“Lavoreremo in modo costruttivo e insieme sulla base delle raccomandazioni della Commissione europea verso la fase di recupero, basate sul budget pluriennale”.

Rutte ha rifiutato di fornire numeri su quanto potrebbe essere grande il fondo.

I Paesi Bassi monitorano l’impatto della crisi sull’industria automobilistica, sul turismo e sull’agricoltura, nonché sulle differenze regionali.

L’EU Recovery Fund sarà destinato ai settori e alle parti geografiche dell’Europa più colpiti, ha dichiarato il Presidente del Consiglio europeo Charles Michel dopo la videoconferenza.