Home Politica Sul Recovery Fund, Conte: “tutti vincono o perdono nell’UE”

Sul Recovery Fund, Conte: “tutti vincono o perdono nell’UE”

CONDIVIDI

EU Recovery Fund, Conte: o l’UE vince insieme o perde

O l’UE vince o perde per il proposto e ambizioso Recovery Fund Covid, ha riferito al Parlamento il premier Giuseppe Conte.

“Oggi nell’UE o vinciamo tutti o perdiamo tutti, insieme”,

ha dichiarato il Presidente del Consiglio dell’Italia in vista del vertice UE previsto per questo fine settimana.

Conte ha dichiarato che l’Italia non accetterebbe un “malandato compromesso” sul nuovo Recovery Fund Covid.

Il Premier ha dichiarato in una conferenza stampa con il cancelliere tedesco Angela Merkel all’inizio di questa settimana sul Recovery Fund dell’UE che

“è un negoziato molto difficile, ho sempre sottolineato la difficoltà, ma ho cercato in modo ambizioso di rappresentare l’obiettivo comune di un risposta UE solida, forte e coordinata “.

Conte sottolinea che l’UE dovrebbe offrire

“soluzioni, non illusioni e paure”.

La Merkel ritiene che potrebbe esserci un accordo dopo il vertice UE di venerdì e sabato anche se le posizioni sono “in parte divergenti” al momento.

Ha aggiunto, tuttavia, che potrebbe essere necessario un altro incontro per giungere ad un accordo sull’EU Recovery Fund.

La Commissione europea ha proposto un EU recovery fund di 750 miliardi di euro, in gran parte destinato a sovvenzioni anziché a prestiti.

I paesi dell’Europa settentrionale vogliono più prestiti, con vincoli quali riforme strutturali del bilancio, che sovvenzioni.

Conte ha richiesto il sostegno dei paesi dell’Europa meridionale nel promuovere un accordo entro la fine di questo mese.

Lo ha ribadito mercoledì, riferendo al Parlamento italiano

“dobbiamo assolutamente raggiungere un accordo entro la fine di luglio”.

I paesi che sono contrari sottolineano che non c’è fretta di ottenere un accordo.

La Germania è presidente di turno dell’UE e sta cercando di negoziare un accordo tra i due gruppi di paesi.

Il commissario europeo per gli Affari economici Paolo Gentiloni ha riferito che

“non possono esserci fallimenti o rinvii al vertice, non possiamo permettercelo”.

Merkel e Conte mettono in guardia i “quattro frugali” contro i tagli al Recovery Fund

I leader tedeschi e italiani affermano che è necessario un ingente pacchetto finanziario per garantire la ripresa economica.

Angela Merkel ha lanciato un avvertimento puntuale per i paesi che preferiscono un approccio più frugale alla risposta del coronavirus dell’UE: non poter “tagliare” le risorse dell’EU recovery fund.

Dopo il colloquio intercorso con il Primo Ministro italiano Giuseppe Conte, la cancelliera tedesca ha riferito che i leader dell’UE riunitisi nel fine settimana a Bruxelles hanno “fatto molta strada” per concordare il budget a lungo termine e ha aggiunto che potrebbe essere necessario un secondo vertice prima della pausa estiva per giungere ad un accordo.

Tuttavia, in quello che sembrava essere un messaggio diretto ai cosiddetti quattro frugali – Austria, Paesi Bassi, Danimarca e Svezia, che criticano le dimensioni proposte del fondo e il suo mix di sovvenzioni e prestiti – la Merkel ha chiarito che si opporrà ai tentativi di ridurne le dimensioni.

“È importante che quello che abbiamo ora come EU Recovery Fund sia enorme, sia qualcosa di speciale e non si riduca “,

ha riferito ai giornalisti.

“Non è possibile impegnarsi in anticipo in ogni dettaglio, ma deve essere uno sforzo speciale che chiarisca che l’Europa vuole rimanere unita in questo momento difficile. C’è una dimensione politica al di là delle cifre”.

EU recovery Fund, Italia-Germania hanno concordato la “struttura di base”

La Merkel ha aggiunto che sia la Germania che l’Italia hanno concordato la “struttura di base” della proposta che il presidente del Consiglio europeo Charles Michel ha presentato la scorsa settimana.

Ha inoltre approvato la proposta che collega i pagamenti alle condizioni relative allo stato di diritto e alle riforme e ha affermato che Conte ha già

“mostrato proattivamente idee per l’Italia su come uscire da questa difficile situazione”.

Conte ha anche inviato un avvertimento ai quattro frugali sostenendo che il mancato accordo sul Recovery Fund rischierebbe di provocare la

“distruzione del mercato unico”, che “anche per i paesi finanziariamente più forti porterebbe alla distruzione di catene del valore e … sarebbe un male per tutti “.

Ha aggiunto che è necessario giungere ad un rapido accordo per evitare ritardi nella ripresa economica dell’Europa.

La conferenza stampa dei due leader ha mostrato un nuovo grado di armonia e unità tra Germania e Italia che sarebbe stato difficile immaginare qualche mese fa, specialmente nel campo delle politiche finanziarie e di bilancio.

La Merkel non ha solo sottolineato che Berlino e Roma “uniranno le forze” nei colloqui sul bilancio, ma ha anche encomiato il modo in cui gli italiani, tra i più gravemente colpiti dalla crisi del coronavirus, hanno gestito la situazione in

“queste settimane difficili con ammirevole disciplina e pazienza”.

Conte ha ringraziato la Cancelliera tedesca sottolineando:

“Ho sempre scoperto che Angela è consapevole della situazione in cui viviamo”,

e ha espresso particolare gratitudine per i 44 pazienti coronavirus italiani che gli ospedali tedeschi hanno ospitato e curato durante la crisi sanitaria.

Il veto svedese sull’EU recovery fund è ancora possibile

Il primo ministro svedese Stefan Löfven ha dichiarato mercoledì (15 luglio) che spera in una rapida risoluzione delle divergenze sull’EU Recovery Fund e sul prossimo bilancio settennale.

Tuttavia, non ha escluso un veto svedese.

“Abbiamo bisogno di un Recovery Fund, sì. Dovrebbe essere diretto ai bisogni reali e basarsi su prestiti favorevoli e non su sovvenzioni “,

ha riferito Löfven ai giornalisti, parlando in una conferenza stampa congiunta con il Primo Ministro spagnolo Pedro Sanchez.

Löfven non ha escluso un veto svedese, ma ha affermato che sarà necessario essere costruttivi.

“Non si avvia una negoziazione con questo atteggiamento, ma si cerca di trovare una soluzione”.

Parlando accanto a lui, il Primo Ministro spagnolo Pedro Sánchez ha riferito:

“Abbiamo opinioni diverse su come rispondere comunemente a questa crisi, ma abbiamo anche obiettivi comuni”.