Home Spettacolo “Escile ” Cristina D’Avena a nudo per i fan

“Escile ” Cristina D’Avena a nudo per i fan

CONDIVIDI

Critina D’Avena, la mitica cantante delle sigle dei cartoni animati, ha confessato alcune cose scottanti sul settimanale “Chi”

Cristiana D’Avena si mette a nudo su “CHI”

La bellissima Cristina D’Avena,cantante di molte sigle di Cartoni animati ha dichiarato confessioni piccanti al settimanale “Chi”. La bellissima cantante,si confessa nell’intervista del settimanale di Alfonso Signorini, parlando senza freni, della sua carriera, della sua vita privata, ma anche di argomenti molto focosi.

Come dichiara la bella Cristina nell’intervista, infatti, viene spesso considerata come il sogno erotico degli italiani. Pare però che per Cristina sia una cosa da andare fiera, infatti stando alle sua parole,  è molto lusingata e contenta di tutto ciò.

Cristina si definisce “estremamente femmina” e per lei è normale apprezzare alcuni complimenti dagli uomini  e sentirsi desiderata, infatti dice:

“Lo so perché me lo hanno anche scritto, io ci sorrido e mi lusinga essere così desiderata perché, essendo estremamente femmina, è normale che mi faccia piacere che un uomo mi possa desiderare. Anche se – continua -, leggendo certi commenti, mi dico: Ammazza, e pensare che canto i puffi“.

Cristina D’Avena, il sogno erotico degli italiani

Secondo alcune statistiche e interviste fatte agli italiani, la prima in classifica, ad essere il sogno erotico degli italiani è proprio Cristina D’Avena, e o dimostrano anche alcuni commenti su instaram come questo:

“ti pufferei”

Ma i più sconcertanti commenti sono arrivati, quando quest’estate la bella cantante, ha pubblicato una foto in costume. I fan si sono scatenati, commentando in tutti i modi la foto della bella Cristina.

Addirittura durante i concerti, i fan le urlano “Escile”,  con cartelli insieme al’Hashtag. Ma in fondo Cristina ha solo pubblicato una semplice foto in costume, in cui si vede poco e niente, a differenza di molte show girl italiane che mostrano tutte le loro grazie senza vergogna.