Home Spettacolo Ema Stokholma, la telecamera riprende le sue parti intime: il video bollente

Ema Stokholma, la telecamera riprende le sue parti intime: il video bollente

CONDIVIDI

Ema Stokholma choc: “L’ho denunciato, sono sconvolta e disgustata”, il fatto gravissimo avvenuto durante una festa

Ema Stokholma

Conosciamo tutti la dj Ema Stokholma. Qualche tempo fa aveva parlato della sua infanzia difficile, segnata dalle violenze subite dalla madre.

La speaker radiofonica ha ora raccontato, attraverso i social, un fatto increscioso avvenuto in occasione della Festa di San Giovanni alla Mole Antonelliana di Torino, scopriamo di che si tratta!

Il fatto increscioso

Sul suo profilo ufficiale su Instagram, la Stokholma si è mostrata molto turbata e ha voluto condividere con i propri follower l’ennesimo episodio di molestie nei confronti di una donna.

Ema ha spiegato che, durante le prove per il dj-set che doveva tenere lo scorso 24 giugno a Torino, si è accorta che sul palco era stato collocato uno smartphone con la fotocamera diretta verso le sue parti intime.

Il device in questione deve essere stato strategicamente posizionato in modo da poter riprendere l’area sotto la sua gonna.

“Rimango sconvolta. Prendo il cellulare e vedo ci siano almeno una decina di minuti di video che riprendono sotto la gonna. Ci sono anche il video di una ragazza ripresa mentre saliva le scale: era in jeans, quindi l’abbigliamento non c’entra.”

La denuncia di Ema Stokholma

La dj ha immediatamente denunciato il fatto, ma si è resa conto di come tutte le persone presenti abbiano preso poco sul serio l’accaduto.

“Trovo molta leggerezza intorno a me, come se non fosse successo nulla. Invece è una cosa grave.”

La Stokholma ha deciso di parlare con l’uomo che si è reso autore di questa molestia e ha denunciato il tutto alle forze dell’ordine.

“Noi donne sappiamo difenderci con le parole, ho cercato di farlo anche con questa persona. Chi vede queste situazioni deve tutelare la vittima. Se non denunciate, è colpa vostra se succede qualcosa a qualcun altro.”