Home News Ecomondo, il green new deal e l’economia verde in fiera

Ecomondo, il green new deal e l’economia verde in fiera

CONDIVIDI

Ecomondo la fiera per gestire l’economia verde, mentre si studia il Green New Deal, per rilanciare il Paese

Ecomondo
Ecomondo

Ha appena avuto inizio presso l’ente fiera di Rimini Ecomondo, evento che richiama annualmente 1300 aziende che operano nell’ambito della green economy. Si tratta della ventitreesima edizione dedicata alla green economy e alle novità del settore. Ecomondo sarà attiva dal 5 all’8 novembre.

La kermesse sulla green economy

Quest’anno sono accorsi da 30 paesi ben 1300 espositori, con moltissime proposte green star up o aziende attive da molti anni. Gli ambiti toccati sono moltissimi e per lo più puntano a far conoscere le ultime novità in ambito economia verde.

Potremo vedere le nuove tecnologie studiate per ottenere energie rinnovabili, trattamento e riciclo dei rifiuti, depurazione delle acque sia reflue che bianche o i fanghi, i nuovi veicoli a zero emissioni, metodi green di bonifica, produzione di biogas, nuovi biomateriali o nuovi materiali compostabili e riutilizzabili più volte, prevenire i rischi idrogeologici, le inondazioni e l’erosione delle coste…moltissimi temi che spaziano dalla tutela ambientale alla lotta all’inquinamento.

Formazione, non solo nuovi prodotti

Ecomondo non si occupa esclusivamente di far conoscere le nuove tecnologie green, punta anche a far divulgazione e formazione. Per questo durante questi giorni della fiera, saranno previsti 150 seminari. Essi tratteranno temi ambientali, trattati da ben 1000 relatori. Si partirà con gli Stati generali della green economy, che partiranno trattando il Green New Deal e tutti gli obiettivi per la tutela del clima posti per il 2030. Si tratterà anche il tema delle energie rinnovabili Key Energy, oltre ad un’interessante Salone biennale del veicolo green a zero emissioni e come rendere quelli tradizionali più ecologici. Il 6 novembre poi si parlerà della famosa economia circolare e come renderla concreta e il trattamento della plastica e delle bio plastiche. Infine giovedì 7 novembre si parlerà della blue economy, cioè l’economia del mare, come poter sfruttare questa risorsa senza saccheggiarla o inquinarla ulteriormente.