Home News Ecoansia come il cambiamento climatico può influire sulla mente

Ecoansia come il cambiamento climatico può influire sulla mente

CONDIVIDI

La paura per i fenomeni dipendenti da questi cambiamenti può sfociare in una vera e propria patologia che influisce sulla nostra salute mentale.

ecoansia

Secondo un articolo apparso su Psychology Today esiste un’emergenza sanitaria che si chiama ecoansia. Si tratta delle conseguenze psicologiche dell’emergenza climatica. La dottoressa Margaret Klein Salamon ha scritto anche un libro sull’argomento chiamato “Facing the Climate Emergency: How to Transform Yourself With Climate Truth.

Le conseguenze dell’ecoansia

Sono moltissime le persone che sono profondamente spaventate da quanto sta accadendo a livello mondiale per i problemi ambientali. Non sono in grado di affrontare e reagire positivamente alle emozioni negative che derivano dalla situazione.

Ne nascono dei problemi di vera e propria paura, terrore fino ad arrivare a veri e propri attacchi di panico. La dottoressa è psicologa clinica e attivista climatica, fondatrice della rivista di The Climate Mobilization.

Secondo la dottoressa l’emergenza climatica riguarda anche la mente e lo spirito delle persone. Durante la sua pratica clinica ha trovato molti pazienti che sono sopraffatti dalle notizie che giungono dal mondo ambientale.

Queste persone hanno compreso la gravità del global warming e come sia una cosa che riguarda tutti noi. Per questo questi pazienti stanno lottando con le implicazioni emotive che derivano al problema del cambiamento climatico.

Sono sole nel loro disagio e spesso non comprese. Si sentono sbagliati ed incomprese.

Altri studi sui bambini

Non si tratta del primo studio che analizza il problema. Era stato fatto uno studio sugli effetti psicologici del cambiamento climatico sui bambini, nel quale si evidenzia che hanno un maggior rischio di sviluppare PTSD, ansia, fobie, disturbi del sonno, depressione, e dell’attaccamento.

Ad effettuare lo studio sono stati Linda Buzzell e il professore di psicologia Craig Chalquis che possiamo leggere sull’American Psychological Association (APA).

Parlano di eco-ansia che si definisce come paura cronica della rovina ambientale e quindi del futuro. Per affrontare l’emergenza, si deve affrontare la verità, e non far finta di nulla. Si deve avere consapevolezza accettare la paura e il dolore.

Non si deve colpevolizzare queste persone, anzi li si deve aiutare a riorganizzare le loro vite alla luce dell’emergenza, in modo da che possano avere del sostegno.