Home Salute & Benessere Ecco cosa succede al tuo sangue dopo che l’hai donato

Ecco cosa succede al tuo sangue dopo che l’hai donato

CONDIVIDI

Quando visiti un sito della Croce Rossa per donare sangue, stai potenzialmente salvando almeno tre vite, ma cosa succede al tuo sangue quando lo doni?

Donazione sangue

Va nel ghiaccio

La parte iniziale del prelievo di sangue è facile e richiede in genere meno di 15 minuti. Ma prima che il tuo sangue possa essere usato da qualcun altro, ci vogliono alcuni colpi di scena sorprendenti, a cominciare dal congelamento: lo staff del centro per la donazione del sangue posiziona la borsa di raccolta in un refrigeratore con gli altri, fino a quando le donazioni possono essere prese per il test e l’elaborazione; si noti che lo staff metterà anche da parte una provetta del sangue per ulteriori test. Lo fa con ogni donatore.

Alla Croce Rossa

All’arrivo nell’impianto di trattamento del sangue della Croce Rossa, i sacchi di raccolta vengono disimballati e ordinati in base al momento della donazione del sangue.

I campioni vengono inviati per essere testati in un laboratorio: i tecnici sono alla ricerca di virus, batteri e altre potenziali infezioni.

Il sangue è separato in tre componenti

La maggior parte delle donazioni di sangue intero sono separate in componenti trasfusibili: globuli rossi, piastrine e plasma.

I tecnici usano centrifughe per centrifugare il sangue ad alta velocità e separare i tre componenti. Le fasi di test e di elaborazione richiedono circa tre giorni per essere completate.  Ciascuno dei tre componenti del sangue può, quindi, essere usato per salvare fino a tre persone.

I globuli rossi vanno nel frigo

Una volta separati, i globuli rossi possono essere conservati in frigorifero fino a 42 giorni. I pazienti che traggono maggiori benefici dalla trasfusione di globuli rossi comprendono quelli con anemia cronica derivanti da insufficienza renale o emorragia gastrointestinale e pazienti con perdita di sangue acuta conseguente a trauma.

Possono anche essere usati per trattare disturbi del sangue come l’anemia falciforme.

Il plasma è congelato

Il plasma è posto in un congelatore flash, che è di -27 gradi; è congelato solido in circa 45 minuti. Il plasma viene congelato entro 24 ore dalla donazione, con una durata di conservazione di un anno.

Il plasma viene comunemente trasfuso in pazienti traumatici, ustionati e soggetti a shock, così come in persone con gravi patologie epatiche o con carenze di fattori di coagulazione multipli.

Le piastrine vengono messe sui vassoi

Quando il plasma si congela, le piastrine vengono posizionate sui vassoi per rimanere indisturbate per almeno un’ora. I tecnici posizionano le piastrine in una macchina che si muove dolcemente avanti e indietro per evitare il raggruppamento e l’aggregazione. ”

Le piastrine hanno una durata di conservazione di soli cinque giorni. Sono più spesso utilizzati durante il trattamento del cancro e le procedure chirurgiche come il trapianto di organi.

Analisi del tubo campione

Mentre i tre componenti del sangue subiscono la loro varia elaborazione, il tuo campione di provette viene testato e sottoposto a screening per malattie infettive come l’epatite e l’HIV.
Il sangue verrà tenuto separato fino a quando i risultati del test non raggiungeranno la struttura di elaborazione, in genere entro 24 ore.
Se sei positivo al test per eventuali infezioni, la tua donazione sarà scartata.
Quando la tua donazione ottiene l’approvazione, la Croce Rossa invia i vari prodotti del sangue agli ospedali.
Gli ospedali determinano le loro esigenze di inventario in base al tipo di pazienti e al loro specifico gruppo sanguigno e al prodotto sanguigno necessario (globuli rossi, piastrine e plasma) necessari per il trattamento.