Home News Disoccupazione 2020, come richiederla e fare domanda all’Inps

Disoccupazione 2020, come richiederla e fare domanda all’Inps

CONDIVIDI

Disoccupazione 2020: come fare domanda e come richiederla all’INPS?

Come fare domanda di disoccupazione nel 2020? L’INPS ha il compito di gestire ed erogare le cd. prestazioni a sostegno del reddito in favore dei lavoratori che hanno perso involontariamente il lavoro o si dimettono per giusta causa.

Domanda di disoccupazione 2020 Naspi: come richiederla all’INPS?

Ai sensi dell’art. 1 del decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22 è stata istituita la Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego, NASpI.

Coloro che sono in possesso dei requisiti Naspi 2019 possono presentare l’apposita domanda all’INPS, entro 68 giorni dalla data di licenziamento, pena la decadenza del diritto.

Per presentare l’istanza all’INPS è necessario utilizzare i servizi telematici approntanti dall’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale:

  • tramite il Numero Verde INPS;
  • direttamente, se possiede il Pin dispositivo;
  • presentandosi al Patronato o altri intermediari.

NASPI 2020

Per gli eventi di licenziamento occorsi a partire dal 1° maggio 2015 è in vigore la NASPI, che ha sostituito l’ASPI, e la mini ASPI.

Naspi anticipata 2020

Per i disoccupati che intendono aprire una nuova attività è prevista la Naspi anticipata 2020.

Nuovo reddito di attivazione

Solo per i residenti nella provincia autonoma di Trento.

Disoccupazione per i lavoratori rimpatriati

Prestazione a sostegno di colori che ritornano in Italia dopo aver lavorato all’estero.

Disoccupazione edile

Si tratta di una prestazione di disoccupazione per lavoratori edili e artigiani abrogata a partire dal 1° gennaio 2017.

Disoccupazione lavoratori agricoli

Per i lavoratori agricoli dipendenti è erogata l’indennità di disoccupazione in un’unica soluzione.

DIS-COLL 2020

DIS-COLL 2020 è l’indennità che spetta ai co.co.co. e ai co.co.pro. ovvero ai collaboratori coordinati e continuativi e collaboratori a progetto, iscritti in via esclusiva alla Gestione Separata, non titolari di Partita IVA, che hanno perso involontariamente il lavoro e sono in possesso dei requisiti fissati dalla legge.

Assegno emergenziale/integrativo

L’assegno emergenziale/integrativo viene erogato dai Fondi Credito, Credito cooperativo e Trasporto pubblico ed è una prestazione di sostegno al reddito dei lavoratori che sono stati licenziati involontariamente.