Home News Dimissioni volontarie, come si presentano al datore di lavoro? Tutti gli step...

Dimissioni volontarie, come si presentano al datore di lavoro? Tutti gli step da svolgere

CONDIVIDI

Dimissioni volontarie al proprio datore di lavoro: come presentarle?

Come presentare le dimissioni volontarie?

Per una motivazione o per un’altra può capitare che durante la carriera lavorativa si decida di interrompere il rapporto di lavoro per cambiare lavoro o perché si vuole aderire ad un’offerta migliore.

Dimissioni volontarie: come inviarle per via telematica?

Dall’anno 2016 le dimissioni volontarie devono essere presentate in modalità esclusivamente telematica, tramite un’apposita procedura online.

Esistono due modi per comunicare le proprie dimissioni: personalmente o rivolgendosi ai soggetti abilitati.

Gli unici esclusi sono i lavoratori domestici – badanti e baby sitter – che ancora oggi possono presentare le dimissioni utilizzando la domanda cartacea.

Quali sono gli obblighi del lavoratore?

Il lavoratore che vuole licenziarsi e presentare le proprie dimissioni volontarie deve dare il preavviso all’azienda e presentare le dimissioni attraverso la modalità telematica.

Come presentarle?

Anche per il 2020 le dimissioni volontarie devono essere presentate telematicamente sul portale del Cittadino dell’INPS.

Questa modalità di presentazione online è stata introdotta per motivi di praticità e sicurezza.

Si tratta di una procedura smart che permette ad ogni lavoratore di evitare qualsiasi tipo di incomprensione, venendo a definire termini ben precisi di compilazione.

La finalità è quella di contrastare il fenomeno di quelle in bianco, ovvero la pratica con cui il datore di lavoro fa sottoscrivere le dimissioni al lavoratore nel momento stesso dell’assunzione per poi rettificare la data quando si presenta l’esigenza di interrompere il rapporto di lavoro.

Dimissioni volontarie modalità telematica: chi può presentarle?

La procedura telematica di presentazione deve essere utilizzata solo dai lavoratori del settore privato assunti con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato o indeterminato.

Questa procedura telematica può essere presentata anche da quei lavoratori che presentano le dimissioni per il raggiungimento dei requisiti di accesso alla pensione di vecchiaia.

Lavoratori esclusi

Quelle telematiche non si applicano ai lavoratori del pubblico impiego, i contratti di stage, i rapporti di lavoro marittimo, le collaborazioni e il lavoro domestico.