Home Casi Denise Pipitone, spunta una nuova foto. Lo scoop a Mattino Cinque: “Somiglianza...

Denise Pipitone, spunta una nuova foto. Lo scoop a Mattino Cinque: “Somiglianza impressionante”

Lo scoop è stato lanciato questa mattina da Federica Panicucci, che ha mostrato alcune immagini, rilanciate su Twitter dall’avvocato Giacomo Frazzitta.

denise pipitone, scoop Mattino 5

La stessa conduttrice del daytime di Canale 5 si è detta convinta della somiglianza tra la bambina ritratta in foto e la piccola Denise Pipitone.

Lo scoop di Mattino 5

Nella trasmissione guidata da Federica Panicucci si torna a parlare del caso di Denise Pipitone.

La conduttrice del day time targato Mediaset ha mostrato una foto in cui sono immortalati 4 bambini, tra cui una che sembra somigliare, in maniera incredibile, alla piccola Denise Pipitone, la bimba di 5 anni scomparsa da Mazara del Vallo il primo settembre del 2004.

Nella foto si vedono appunto 4 bambini, 3 dei quali presumibilmente di etnia rom, ed una quarta bambina, che, con codino e vestitino bianco, sembra guardare altrove.

La conduttrice di Canale 5 ha mostrato le foto in questione, commentando:

“La somiglianza con Denise è davvero impressionante”.

È stato proprio l’avvocato di Piera Maggio, Giacomo Frazzitta, a ri-twittare la foto in questione, lo scorso sabato.

Dopo quanto avvenuto con Olesya Rostova potrebbe quindi aprirsi un nuovo spiraglio di speranza per Piera Maggio e Pietro Pulizzi, che da 17 anni non hanno mai smesso di cercare la loro bambina.

Le parole di Felice Grieco

Ospite di Federica Panicucci questa mattina anche Felice Grieco, la guardia giurata che all’epoca della scomparsa di Denise Pipitone aveva raccontato di aver visto una bambina molto somigliante alla piccola.

“Vorrei tornare indietro e fare di testa mia ma non si può”

ha detto Grieco alla conduttrice di Mattino 5.

Leggi anche –> Malika, cacciata di casa perché gay. Gli insulti choc dei genitori: “Meglio drogata che lesbica”

All’epoca la guardia giurata aveva infatti allertato le forze dell’ordine, che gli avevano detto di non fare nulla ed attendere l’arrivo di una volante, che però arrivò quando la famiglia rom era già andata via.