Home Casi Denise Pipitone, la mamma: “Chi l’ha sequestrata sapeva bene cosa faceva”

Denise Pipitone, la mamma: “Chi l’ha sequestrata sapeva bene cosa faceva”

CONDIVIDI

Piera Maggio, la mamma di Denise Pipitone, la piccola scomparsa nel settembre del 2004, si dice convinta che sua figlia sia ancora viva.

denise pipitone

Alle telecamere di Chi l’ha visto?, Piera Maggio, che da quel giorno non ha mai smesso di cercare la figlia, ha denunciato quella che per lei sarebbe stata anche una cattiva conduzione delle indagini. La scomparsa di Denise Pipitone resta ancora oggi appesa ad un filo.

La scomparsa di Denise

Una mamma che non si arrende e non ha mai smesso di cercare la figlia. È la storia di Denise Pipitone e Piera Maggio. Il 1° settembre 2004 la piccola Denise, 3 anni appena, scomparve da Mazara del Vallo, Trapani, dove viveva con la sua famiglia. La piccola, come riferisce anche Il Sussidiario, stava giocando sull’uscio di casa, quando sparì nel nulla.

Da quel giorno le ricerche di quella bambina, che oggi avrebbe 19 anni, non si sono mai fermate. A combattere per la verità i genitori della piccola Denise Pipitone.

Tante le piste battute in questi anni, ma nessuna che abbia portato una vera svolta nel caso della scomparsa.

Piera Maggio ospite a Chi l’ha Visto?

Piera Maggio, ospite lo scorso mercoledì sera della trasmissione in onda su Raitre, Chi l’ha visto?, si è detta tuttora convinta che sua figlia sia ancora viva.

Un duro ammonimento nelle parole della donna anche per chi, nei primissimi giorni di quel drammatico settembre, si occupò delle indagini.

“I primi momenti sono fondamentali. Fu controllata una casa sbagliata. Non abbiamo delle persone preposte a lavorare alla scomparsa di un bambino piccolo e agire nell’immediatezza”

ha raccontato la donna.

Piera Maggio si è detta convinta che sua figlia sia ancora viva e, soprattutto, di sapere chi l’abbia sequestrata.

“Denise non è sparita nel nulla, è stata sequestrata sotto casa mia e non è stato un rom qualsiasi. Chi l’ha presa sapeva molto bene quello che faceva”.