Home Casi Delitto Crotti, lo straziante messaggio del figlio dell’omicida alla figlia della vittima

Delitto Crotti, lo straziante messaggio del figlio dell’omicida alla figlia della vittima

CONDIVIDI

Una storia terribile quella del delitto Crotti, dove l’amante uccide la moglie di Stefano Del Bello. Ora i due figli sono compagni di scuola e quello che si sono detti è commovente

Delitto Crotti
Delitto Crotti

Era il 28 gennaio 2019 quando si compie il delitto Crotti: ora i figli delle due donne sono compagni di scuola e le parole del figlio della Alessandri lasciano tutti senza parole.

Udienza preliminare per Chiara Alessandri

Corriere della Sera racconta il nuovamente il caso, con l’omicidio della giovane donna dopo essere stata tratta in inganno da quella che era stata l’amante del marito.

Alessandro Del Bello aveva posto fine a quella breve relazione con la Alessandri e da quel momento inizia l’incubo. Lunedì è prevista la prima udienza preliminare con accusa di omicidio preterintenzionale: Chiara infatti ha bruciato Stefania dopo aver portato a termine il suo piano che – secondo le indagini dei Carabinieri – è stato messo a punto sotto ogni dettaglio.

La finta fuga d’amore, i messaggi e Stefania che crede in una sorpresa del marito – per poi trovarsi davanti a quella donna che la ucciderà senza pietà.

Le parole del figlio di Chiara Alessandri

Stefano Del Bello ha rilasciato alcune parole al quotidiano, raccontando che la figlia Martina di otto anni è compagna di scuola di uno dei figli dell’assassina della madre – anche lui di otto anni:

“sappiamo che a scuola gioca con il figlio di chiara, è normale…sono bambini. lui le ha chiesto scusa per quello che è successo…per quello che la madre ha fatto alla sua mamma”

L’uomo evidenzia che non sarà presente in Tribunale lunedì e che non concederà mai il perdono per quanto fatto a sua moglie:

“sarò presente per il verdetto, questa però non dovrebbe essere l’udienza definitiva. mi costituirò parte civile con i miei suoceri, mia cognata e mia figlia”

Considerando che l’omicida dovrebbe essere condannata all’ergastolo

“il perdono per me è una cosa che non esiste”