Home Casi Delitto di Avetrana: una serie tv per raccontare la morte di Sarah...

Delitto di Avetrana: una serie tv per raccontare la morte di Sarah Scazzi

CONDIVIDI

Dopo il libro arriverà anche la serie tv basata sul delitto di Avetrana, per cercare di ricostruire i dettagli di uno dei gialli più intricati di sempre.

Sarah Scazzi- serie tv sul delitto di Avetrana
Sarah Scazzi

Si cerca in ogni modo di ricostruire la verità di quanto accaduto ad Avetrana, presto in arrivo anche una serie tv sul terribile omicidio di Sarah Scazzi. Tutti i dettagli.

La serie tv sul delitto di Avetrana: le indiscrezioni

Era il 26 agosto 2010 quando la quindicenne Sarah Scazzi sparirà nel nulla dal paesino di Avetrana tenendo tutta Italia con il fiato sospeso per ben 42 giorni.

Il 6 ottobre il corpo della ragazzina verrà trovato in un pozzo nele campagne circostanti, in Contrada Mosca, mentre la mamma di Sarah, Concetta Serrano è in collegamento in diretta con la trasmissione “Chi l’Ha Visto”.

Tutti i misteri collegati alla vicenda che ruotano attorno ai vari protagonisti di uno dei delitti più atroci ed intricati della cronaca degli ultimi anni saranno riportati in una serie tv.

A dirigerla sarà sarà Pippo Mezzapesca mentre Christian Letruria sarà alla direzione di un altro progetto: un documentario scritto dagli autori del libro su Sarah.

Matteo Rovere produrrà sia la serie che il documentario ed ha inoltre acquistato recentemente i diritti del libro di Piccinni e Gazzanni come riporta Il Corriere.

Sabrina e Cosima si dichiarano innocenti: il libro

Sull’omicidio della piccola Sarah Scazzi si sono succedute negli anni varie ipotesi ma tre gradi di giudizio hanno confermato che ad uccidere la ragazzina, in quell’afoso pomeriggio di dieci anni fa furono la cugina Sabrina Misseri e la zia Cosima Serrano.

Per scontare l’ergastolo, come stabilito il 21 febbraio 2017 dalla Cassazione, entrambe si trovano nel carcere di Taranto, nella stessa cella, e non hanno mai smesso di gridare la loro verità.

Anche lo zio di Sarah, Michele Misseri, condannato per occultamento di cadavere e autocalunnia, continua a sostenere che la figlia Sabrina non c’entri nulla.

Secondo i giudici molte sono le prove che determinano che in questa storia tutti mentono.

Non solo Sabrina e Cosima ma anche il cuoco Ivano oggetto del desiderio e movente dell’omicidio, fino allo zio Miché e ad alcuni abitanti del paese.

A raccontare il delitto di Avetrana è da poco uscito anche il libro di Flavia Piccinni e Carmine Gazzanni dal titolo “Sarah, la ragazza di Avetrana” edito da Fandango Libri.

All’interno del volume è contenuta una lettera esclusiva di Michele Misseri in cui ribadisce l’innocenza di Sabrina e Cosiima.