Home News Deforestazione: la Gran Bretagna pianterà 50 milioni di alberi

Deforestazione: la Gran Bretagna pianterà 50 milioni di alberi

CONDIVIDI

Per combattere la deforestazione nel Regno Unito, saranno piantati 50 milioni di alberi, creando una nuova foresta nel Nord dell’Inghilterra, nei prossimi venticinque anni.

Per combattere la deforestazione in Gran Bretagna, saranno piantati nei prossimi 25 anni 50 milioni di alberi lungo l’autostrada M62, che attraversa tutto il nord Inghilterra per 172 Km da Liverpool a Hull. A causa della rivoluzione industriale, le enormi foreste che contraddistinguevano la nazione, vennero abbattute. Il governo britannico ha deciso di combattere la deforestazione, creando una nuova foresta.

Il progetto della Foresta del Nord

Il progetto è guidato dall’organizzazione Woodland trust. Si occupa nel paese di tutelare le foreste ed io boschi, lavorando per la loro salvaguardia. Secondo le loro stime, piantare questi alberi, permetterà l’assorbimento di circa otto milioni di tonnellate di anidride carbonica.

Uno degli obiettivi è poter creare un nuovo habitat per la fauna selvatica, oltre a migliorare l’ambiente per la popolazione, mitigare il problema d’inondazioni, mitigare i cambiamenti climatici, migliorare la qualità dell’aria, oltre ad incrementare gli ingressi grazie al turismo e la produzione di legname. La Gran Bretagna è un paese che rispetto ad altre nazioni, è una con le più piccole superfici boschive. Hanno superfice pari a solo il 10% del suo territorio, mentre in Italia possiamo dire che la superfice boschiva è il 34,7% dell’Italia.

In 25 anni si concluderà il progetto, con un costo che si aggira attorno ai 500 milioni di sterline, di cui 5,7 milioni sono già state investiti. I lavori sono partiti a marzo 2018, partendo dal sobborgo di Bolton. Questi lavori hanno portato degli ottimi risultati. La nuova foresta permetterà di poter raggiungere l’obiettivo che è stato posto dal governo. Si punta all’incremento della copertura boschiva pari al 12% per riuscire a ridurre in modo consistente le emissioni di anidride carbonica, in modo da raggiungere gli standard europei.