Home News Decreto rilancio, approvato l’ecobonus per rinnovare il parco auto

Decreto rilancio, approvato l’ecobonus per rinnovare il parco auto

CONDIVIDI

Arriva l’ecobonus approvato nel decreto rilancio. Questo sconto può arrivare fino a 10mila euro, aumentando la platea di modelli che potranno richiedere il contributo.

Decreto rilancio, approvato l'ecobonus per rinnovare il parco auto

Arriva l’approvazione nel decreto rilancio l’ecobonus. Si vuole incentivare l’acquisto di auto meno inquinanti e spingere sul rinnovo del parco auto italiano. Si può richiedere dalle 10 del 1 di agosto fino al 31 dicembre. La prenotazione andrà fatta sul sito istituzionale ecobonus.mise.gov.it, lo sconto può arrivare fino ai 10.000 euro ed è pensato per l’acquisto di veicoli di categoria M1.

I contributi

Il contributo sarà a scalare in base al modello partendo dalla base di 2.000 € agli 8.000€. Per i veicoli M1 con rottamazione si prevede un bonus fino a 8.000€ mentre senza fino ai 5.000 €. Infine alcuni marchi offrono un ulteriore sconto di 2.000€ che si aggiunge agli ecobonus.

  • Fascia 0-20 g/km di CO2: si tratta dei veicoli meno inquinanti, che emettono al massimo 20 grammi di CO2 ogni chilometro percorso. Si tratta di auto 100% elettriche, che hanno un prezzo che può raggiungere come massimo 61.000 euro Iva inclusa. Il contributo in questo caso può arrivare ai 10.000€.
  • Fascia dai 21 ai 60 g/km di CO2: questi veicoli godono di un bonus fino ai 6.500€ ed emettono per chilometro dai 21 a 60 grammi di CO2.
  • Fascia dai 61-110 g/km di CO2: il bonus è fino ai 3.500€ con emissioni comprese tra i 61 ed i 110 grammi al km di CO2. I veicoli che troviamo sono tra i più diffusi, dato che ricomprendono modelli che hanno motorizzazioni hybrid, mildhybrid, oltre che diesel, benzina, bifuel Gpl e metano. Sono spesso quelli definiti come euro 6, disponibili nei listini della maggior parte delle case automobilistiche.

Abbiamo avuto numerose richieste. Solo nelle prime due ore di attivazione del portale sono arrivate ben 3.000 richieste. Una partenza molto veloce secondo i dati forniti dal Ministero dello Sviluppo Economico.