Home News De Luca in diretta Fb: “Con la linea del Governo l’Italia al...

De Luca in diretta Fb: “Con la linea del Governo l’Italia al manicomio”

CONDIVIDI

Fa il punto della situazione sui contagi e sulle vaccinazioni, in diretta sui social il Governatore delle Campania, De Luca.

De Luca ironizza sulla linea di condotta seguita dal governo.

Mezze misure inutili

Come è sua consuetudine il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, esprime il suo pensiero in diretta sui social.

Riguardo le misure adottate dal governo, come si legge su Repubblica, per contrastare gli effetti della pandemia ha affermato:

“Non condivido la linea del governo che resta la linea delle mezze misure che servono a produrre due risultati”

Per De Luca tutto ciò concorrerebbe solo a prolungare l’epidemia oltre che:

“mandare l’Italia al manicomio, cittadini e categorie economiche”.

Parlando del rientro a scuola e della mobilità, De Luca ha ritenuto opportuno rimandare a dopo gennaio le decisioni.

Il governatore in questo momento ritiene più sicuro procedere prima, ad una verifica epidemiologica entro il mese di gennaio, come atto di responsabilità per il benessere della popolazione campana.

Occorre procedere ad una verifica di come si è evoluta la pandemia nei giorni di Natale. E tutto ciò sarà possibile solo attendendo l’ultima settimana di gennaio.

Una card a chi fa il vaccino

Per quanto riguarda il discorso della campagna vaccinale, che lo ha visto al centro di una polemica per la sua scelta di vaccinarsi “anzitempo”, il governatore ha fatto alcune battute.

Scherzando sull’argomento, il governatore afferma di aver fatto da cavia, facendo prima il vaccino.

Un gesto simbolico per dare coraggio e fiducia alle persone anziane. Allo stesso modo del neo eletto presidente degli Stati Uniti, Biden.

De Luca prospetta poi da parte della regione Campania, la creazione di una card di avvenuta certificazione a tutti i cittadini “vaccinati dopo il richiamo”.

Il governatore mostra anche il prototipo sulla diretta social, spiegando come sul retro sia presente un chip che tra qualche mese i cittadini potrebbero mostrare per entrare al cinema, o recarsi al ristorante, comprovando l’avvenuta certificazione.