Home Politica Nuovo Dcpm, multe salate per chi non indossa le mascherine all’aperto: riunione...

Nuovo Dcpm, multe salate per chi non indossa le mascherine all’aperto: riunione prevista oggi 7 ottobre

CONDIVIDI

Il Cdm è slittato ma le sanzioni per chi non indossa le mascherine all’aperto sono molto salate. Ecco gli ultimi aggiornamenti.

Nuovo Dcpm, multe salate per chi non indossa la mascherina all'aperto: riunione prevista oggi 7 ottobre

Per chi non indossa le mascherine all’aperto ci potrebbero essere delle multe molto pesanti. E mentre il Cdm è stato rimandato ecco quali sono le sanzioni che ogni cittadino potrebbe ritrovarsi a dover pagare.

Sanzioni salate per chi non indossa la mascherina

Il numero dei contagi in Italia è in aumento e il Covid sembra non voler rallentare la sua folle corsa. Per questo motivo il Governo e il Ministro della Salute Speranza hanno optato per l’obbligo della mascherina anche quando si è all’aperto.

Per far rispettare questa nuova norma sono state pensate delle sanzioni salate che slittano dai 400 euro sino ai 1.000 euro. Il Cdm non è avvenuto questa notte ed è slittato: come si evince da alcuni media, tra cui il TgCom24, oggi 7 ottobre alle ore 10 la Camera dovrebbe riunirsi nuovamente per votare tutte le risoluzioni sulle comunicazioni di Speranza.

A seguito di questa seduta ci dovrebbe essere il Cdm così da varare il decreto sulla proroga dello stato di emergenza sino al 31 gennaio 2021.

La bozza del decreto legge parla chiaro e invita tutti i cittadini ad indossare la proteziona cnhe mentre si esce di casa e si è all’aperto. Ci saranno delle specifiche in merito e anche quando questa non dovrà essere indossata.

Per ora emerge che da questo obbligo sono esclusi i bambini sotto i sei anni, chi fa attività sportiva e tutti i soggetti con disabilità che non sono compatibili con l’utilizzo dello strumento di protezione.

Le sanzioni previste prevedono anche l’arresto da 3 a 18 mesi per chi viola la quarantena. La decisione definitiva verrà presa oggi in mattinata e fonti del Governo assicurano:

“Non ci saranno misure diverse da quelle annunciate dal ministro speranza in aula”.