Home Cronaca È morto Davide Vannoni, l’inventore del discusso Metodo Stamina

È morto Davide Vannoni, l’inventore del discusso Metodo Stamina

CONDIVIDI

Davide Vannoni è morto oggi a Torino, conosciuto per la sua discussa invenzione: il Metodo Stamina

Davide Vannoni
Davide Vannoni

Davide Vannoni oggi è morto a Torino, lasciando in eredità il suo discusso progetto del Metodo Stamina conosciuto e polemizzato in tutta Italia.

Morto l’inventore del Metodo Stamina

Un uomo che verrà sempre ricordato per il Metodo Stamina e che è morto oggi, a seguito di una malattia incurabile. Aveva 53 anni e si è spento in Ospedale.

Il metodo era stato sperimentato da sé stesso direttamente in Ucraina e visti i benefici ha deciso di importarla in Italia come metodo alternativo con base di staminali.

Nella sua idea di base questo Metodo avrebbe potuto curare alcune malattie tra cui quelle neurodegenerative. Proprio questa sua idea è stata da sempre discussa e polemizzata, protagonista di molti procedimenti giudiziari.

Che cosa è il Metodo Stamina?

Considerato da Vannoni come un procedimento valido è, nel tempo, stato etichettato come presunto trattamento senza alcuna validità scientifica. Vannoni era un comunicatore pubblicitario che ha realizzato come procedimento e proposto successivamente dalla Stamina Foundation – organizzazione di cui era Presidente.

Una vicenda con grande impatto mediatico visto l’argomento molto delicato, arrivando sino alle alte cariche politiche e giudiziarie: un metodo curativo la cui scienza non aveva ancora trovato un rimedio utile e con sperimentazioni che non hanno mai portato alcun documento di conferma della sua efficacia.

Questo per anni è stato oggetto di discussioni, polemiche e inchieste la cui stessa Magistratura ha mandato avanti determinando la non applicabilità medica. Come si è conclusa la vicenda? Con una condanna per truffa.

Il 18 marzo 2015 patteggia per una pena di un anno e dieci mesi, successivamente sospesa, con invito a non praticare più in Italia. Vannoni ha provato poi il suo percorso negli Stati Uniti con arresto in Georgia.