Home Spettacolo Dagospia smaschera il noto cantante ‘E’ gay’: dopo anni emerge la verità...

Dagospia smaschera il noto cantante ‘E’ gay’: dopo anni emerge la verità inaspettata

CONDIVIDI

Mistero sullo scatto pubblicato da Dagospia: un noto cantante italiano paparazzato mentre bacia un uomo

Dagospia
Fonte Immagine: Dagospia

Lo scoop di Dagospia

In questo periodo, alcuni volti noti del piccolo schermo hanno deciso di gettare la maschera e vivere serenamente la loro sessualità. Di recente, Gabriel Garko, con una lunga lettere indirizzata alla sua ex fidanzata ha fatto coming out liberandosi del ‘segreto di pulcinella‘. Dopo l’uscita dalla casa più spiata dagli italiani, l’attore sembra aver ritrovato la felicità.

Nelle ultime ore, il noto portale di gossip Dagospia, ha lanciato un clamoroso scoop su un famoso cantante italiano. Quest’ultimo è stato paparazzato nella stazione di Milano centrale insieme ad un altro uomo mentre si scambiano tenere effusioni:

“Chi è questo famosissimo e assai macho cantante italiano, pizzicato a limonare con passione alla Stazione Centrale di Milano con un virile maschione che non riusciva a controllare le sue mani tanto da strizzargli il culo con cupidigia?”

si legge sul sito diretto da Roberto D’Agostino.

Tuttavia, nella foto il volto è pixellato ed è difficile risalire alla sua identità. Ad ogni modo, ci pensa il popolo del web a suggerire il nome del possibile artista.

Il commenti dei follower

Dopo la pubblicazione di questo scatto, sui social è iniziata una vera caccia all’uomo. Alcuni utenti hanno fatto i nomi di alcuni artisti più apprezzati del panorama musicale italiano. Tra i quali Nek, Gabbani e Luciano Ligabue. Molti sostengono sia quest’ultimo per com’è vestito, i braccialetti e la pettinatura.

“Nek ha il braccio destro tatuato. Gli anelli (mano destra) sono quelli del Liga”

E ancora:

 “Sicuramente è un cantante che ama svariati braccialetti al polso e vistosi anelli all’anulare. E Ligabue ha sempre sia bracciali che anellone. Però c’è anche Renga, ma il fisico non mi sembra il suo e poi … sul ‘brizzolato’ non ci siamo”

Ai posteri, l’ardua sentenza.