Home Televisione Curon, nuova serie Netflix: le curiosità sul borgo che sta stregando tutti...

Curon, nuova serie Netflix: le curiosità sul borgo che sta stregando tutti quanti

CONDIVIDI

Curon arriva su Netflix, scopriamo insieme alcune curiosità relative al borgo che ha ispirato la serie tv

Curon

Approfondiamo insieme alcune curiosità riguardanti Curon, il borgo del Trentino Alto Adige che dà il nome al telefilm omonimo di Netflix!

La trama e il cast della serie tv

La storia della serie tv racconta di Anna, che decide di tornare nei luoghi della sua infanzia in compagnia dei figli adolescenti, i gemelli Mauro e Daria. Dopo poco, Anna scompare nel nulla e i due ragazzi sono costretti a cercarla, arrivando a scoprire molti segreti.

La serie tv di Netflix è stata girata quasi completamente tra le montagne dell’Alto Adige. Consta di 7 episodi in tutto, disponibili sulla piattaforma dal 10 giugno 2020, ed è la prima volta che la protagonista è una piccola città in provincia di Bolzano.

Il cast della serie tv è tutto italiano. Il personaggio di Anna è interpretato dall’attrice Valeria Bilello, mentre i figli gemelli della protagonista, Mauro e Daria, sono interpretati rispettivamente Federico Russo e da Margherita Morchio.

Tra gli altri attori che fanno parte del cast, compaiono Luca Lionello (Thomas), Anna Ferzetti (Klara), Alessandro Tedeschi (Albert), Juju Di Domenico (Miki), Giulio Brizzi (Giulio), Max Malatesta (Ober) e Luca Castellano (Lukas).

La storia del paese

Curon Venosta è un comune italiano di 2378 abitanti della provincia autonoma di Bolzano in Trentino-Alto Adige.

All’interno del suo territorio si trova il lago di Resia, un lago artificiale creato per la produzione di energia idroelettrica. La realizzazione di tale lago provocò la scomparsa dell’antico abitato di Curon, che venne ricostruito più a monte negli anni ’50.

Soltanto il caratteristico campanile della vecchia chiesa continua a emergere dalle acque ed è divenuto una delle principali attrazioni del borgo.

La tragedia sarebbe iniziata negli anni ’40 circa, quando centocinquanta famiglie furono costrette ad abbandonare le proprie case, che furono spazzate via. Fu così che, a poco a poco, Curon scomparve.