Home Salute & Benessere Cura per Epilessia e Ictus grazie al Ragno australiano: i risultati sconvolgenti

Cura per Epilessia e Ictus grazie al Ragno australiano: i risultati sconvolgenti

CONDIVIDI

Scoperta la cura per Epilessia e Ictus grazie al Ragno australiano: ci sono ottimi presupposti, i medici hanno riposto in questo studio clinico grandi speranze.

ictus epilessia cura ragno australiano
ragno australiano su ragnatela

Nuova scoperta scientifica degna di nota, la cura per epilessia e ictus grazie al veleno di un pericoloso ragno australiano.

I medici sono speranzosi e credono possa essere una soluzione definitiva.

Proprio in Australia ci sono le specie più pericolose e mortali del regno animale: squali, meduse, ragni, serpenti e insetti.

Nonostante la paura giustificata di queste specie pericolose, una tra queste è fonte di gioia e non di paura finalmente.

Ci sono infatti buone speranze che sia stata trovata una soluzione per curare epilessia e ictus grazie ad un ragno australiano velenoso.

Ottimi risultati dalla ricerca: il veleno che ci salva

Il ragno australiano grazie al quale sembrano esserci validi presupposti per la cura di epilessia e ictus è un aracnide chiamato ragno dei cunicoli, Atrax Robustus.

Il professor Glenn King e un suo stretto collaboratore dopo varie ricerche hanno esaminato la tossina del ragno dei cunicoli, funnel web spider, rivelando dati inauditi.

La ricerca condotta è stata proficua e hanno poi pubblicato un importante studio scientifico in merito sul Nature Structural and Molecular Biology.

La scoperta del professor King è stata molto incoraggiante: il veleno di questo ragno ha una struttura micro organica estremamente complessa e utile in campo medico.

Ci sono già i primi risultati concreti: un insetticida creato con questo veleno è già in commercio negli USA.

Leggi anche: La lista nera degli alimenti che danneggiano il cervello

Il laboratorio del professor King possiede la più grande collezione di veleni esistente al mondo con più di 600 specie di ragni, millepiedi e scorpioni.

Il veleno del ragno dei cunicoli, come molti altri veleni, interagisce con i recettori neurali dei mammiferi. Il professor King ha affermato:

Sappiamo che questi veleni sono pieni di modulatori dei canali ionici

E ha continuato: ‘Abbiamo pensato che valeva la pena scandagliarne l’uso contro i bersagli di certe medicine che agiscono sui canali ionici

La ricerca condotta nel laboratorio del professor King sembra aver dato entusiasmanti risultati: trovate finalmente terapie curative per la sindrome di Dravet, l’epilessia e l’ictus.

Il veleno del ragno dei cunicoli, un peptide, restituisce ai bambini colpiti dalla sindrome di Dravet la normale funzionalità cerebrale eliminando le convulsioni e gli attacchi epilettici.

Leggi anche: Ragno vagabondo pericolosissimo, com’è arrivato in Italia?

Il farmaco sviluppato fin’ora è valido per contrastare l’ictus ischemico cioè quando un’area del cervello rimane senza afflusso sanguigno, mentre non ha effetti sull’ictus emorragico.

La ricerca va avanti e il professore conferma che stanno cercando di mettere a punto un farmaco che possa andar bene per entrambe le tipologie di ictus proteggendo i pazienti dalle lesioni cerebrali.