Home News Crollo PIL, l’80% degli economisti teme un ennesimo peggioramento

Crollo PIL, l’80% degli economisti teme un ennesimo peggioramento

CONDIVIDI

Le probabilità di un nuovo crollo del PIL in seguito a una seconda ondata di contagi è quanto pone in evidenza un sondaggio condotto fra il 30 luglio e il 10 agosto sui 235 membri della National Association for Business Economics (Nabe).

crollo pil

L’indagine sulla politica economica NABE dell’agosto 2020 riassume le risposte di 235 membri dell’Associazione nazionale per Economia aziendale (NABE).

Condotto semestralmente, questo sondaggio è stato somministrato tra il 30 luglio e il 10 agosto 2020.

I risultati del sondaggio possono essere ristampati in tutto o in parte con credito dato a NABE. I risultati del sondaggio possono essere visualizzati online, inclusi tabulazioni complete, su www.NABE.com.

Di seguito riportiamo i risultati di uno dei tre sondaggi condotti dalla NABE, gli altri due sono NABE Outlook Survey e NABE Business Conditions Survey.

Gregory Daco (Oxford Economics), presidente; Alejandra Grindal (Ned Davis Research), Sarah House (Wells Fargo), Susan Lund (McKinsey & Company), Mark Palim (Fannie Mae), Dana Saporta, CBE e Richard Wobbekind (University of Colorado Boulder) hanno condotto l’analisi del report.

NABE Economic Policy Survey, lo scenario economico

“Quasi due terzi dei membri della National Association for Business Economics che hanno partecipato al NABE Economic Policy Survey ritiene che l’economia statunitense continui ad essere in recessione”,

sottolinea il Presidente della NABE Constance Hunter, CBE, capo economista, KPMG.

Quasi la metà degli intervistati si aspetta un aggiustamento dell’inflazione il prodotto interno lordo rimarrà al di sotto del livello del quarto trimestre 2019 fino alla seconda metà del 2022 o successivamente.

E l’80% dei membri del panel indicano che esiste almeno una possibilità su quattro di una recessione “double-dip”.

“Il panel è diviso nella sua opinione sulla risposta fiscale del Congresso alla recessione, con il 40% che definisce la risposta insufficiente, il 37% indica che la risposta è adeguata e l’11% afferma che è eccessiva “,

ha continuato Hunter.

“Quasi tre su quattro relatori ritengono che la dimensione ottimale per il prossimo pacchetto fiscale sia di $ 1 trilione o superiore, rispetto al 17% che preferisce un pacchetto più piccolo”.

“Più di tre quarti dei membri del panel ritengono che l’attuale posizione della politica monetaria statunitense sia appropriata”,

ha aggiunto il presidente del sondaggio Gregory Daco, capo economista statunitense, Oxford Economics.

“La maggior parte dei partecipanti, il 58%, si aspetta che l’intervallo dei tassi sui fondi federali rimanga invariato allo 0-0,25% o scenda alla fine del 2021”.

La maggior parte dei partecipanti, l’84%, si aspetta che l’obiettivo del tasso sui fondi sarà più alto entro la fine del 2022, ma entro 100 punti base di dove si trova attualmente.

Politica fiscale

Il quarantacinque per cento degli intervistati ritiene che la politica fiscale sia “troppo restrittiva”, con un altro 37% che suggerisce che sia “giusto”.

Il 17% degli intervistati ritiene che la politica fiscale sia “troppo stimolante”.

Si tratta di un netto calo rispetto al 52% dei panelist che tenuto questo punto di vista nel sondaggio del febbraio 2020.

Più di un terzo (38%) dei partecipanti al panel ritiene che l’obiettivo principale della politica fiscale dovrebbe essere quello di stimolare più crescita il più rapidamente possibile.

Il 28% suggerisce che l’obiettivo principale dovrebbe essere quello di stimolare una crescita economica più robusta nel medio-lungo termine: un calo significativo rispetto al 44% che aveva questa opinione nel sondaggio di febbraio 2020.

Ai membri del panel è stato chiesto quali misure dovrebbero essere intraprese per affrontare l’attuale deficit fiscale.

Il cinquantasei percento dei partecipanti lo suggerisce il deficit fiscale non dovrebbe essere una preoccupazione durante una recessione e il 13% indica che l’attuale deficit non è preoccupante.

Il 51% sostiene l’attuazione di politiche strutturali per sostenere una crescita economica più forte.

Un quinto (22%) dei partecipanti al panel è favorevole a un maggiore contenimento della spesa, mentre il 19% aumenterebbe le entrate fiscali.