Home Politica Crisi di Governo, Vito Crimi: “Per M5s c’è solo Conte”

Crisi di Governo, Vito Crimi: “Per M5s c’è solo Conte”

CONDIVIDI

Crisi di Governo: Roberto Fico inizia il mandato esplorativo. Dal Movimento 5 Stelle parla il capo, Vito Crimi: “Per M5s c’è solo Conte”.

Crisi di Governo: inizia oggi il mandato esplorativo del Presidente della Camera, Roberto Fico.

Il leader del Movimento 5 Stelle, Vito Crimi, non lascia spazio a contrati e mancanza di intenti e punta a un Comte bis.

Per arrivare a raggiungere questo obiettivo, si dovrà ottenere un’intesa che faccia leva su tutte le forze politiche in gioco.

Vito Crimi

Crisi di Governo: inizia il mandato esplorativo di Roberto Fico

Inizia il mandato esplorativo di Roberto Fico.

Il Presidente della Camera, infatti, ha ricevuto l’incarico, da parte del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per verificare se esistono i numeri per portare alla formazione della maggioranza in Parlamento.

Per fare ciò, bisogna partire da quella stessa maggioranza che ha sostenuto l’esecutivo di Giuseppe Conte, che ha definito la crisi di governo un gesto di irresponsabilità.

Fico avrà a disposizione tre giorni al fine di risolvere l’emergenza di stampo sociale, economico e sanitario – come ribadito da Mattarella.

Vito Crimi, capo M5s: “Per noi c’è solo Conte”

Si è espresso – in questo contesto – anche Vito Crimi, capo del Movimento 5 Stelle.

Ecco le sue parole sulla crisi di governo, mediante le quali ha sottolineato che per il M5s esiste solo Giuseppe Conte:

“Abbiamo posto l’esigenza che si lavori a un cronoprogramma dettagliato che dia un’indicazione certa del lavoro che questo governo dovrà svolgere. Un percorso che dovrà essere solennemente sottoscritto da tutte le forze che intendono proseguire nella guida del Paese”.

Crimi esorta tutti i partiti a collaborare, cambiando però i modi in cui si deve lavorare a questa crisi di Governo.

Il Movimento 5 Stelle, però, mediante Crimi, ribadisce “che la scelta del Presidente Conte come guida del governo è indiscutibile“, proponendo – in seguito – una collaborazione con tutte le forze politiche, eliminando i temi discordanti e che dividono la maggioranza, come il MES.