Home News Crescita lenta più ecosostenibile, Italia prima nel campo

Crescita lenta più ecosostenibile, Italia prima nel campo

CONDIVIDI

Secondo una ricerca ING, meglio una crescita lenta perché difende l’ambiente. L’Italia è ai primi posti per riciclo e riutilizzo dei rifiuti.

crescita lenta

Secondo l’ultima ING International Survey, la crescita lenta è la miglior scelta per rimanere sostenibili. È più importante tutelare l’ambiente che crescere esclusivamente dal punto di vista economico. Gli italiani sono in piena linea con i principi espressi dall’economia circolare.

L’Italia pilastro dell’economia circolare

Il nostro paese non si è mai dato al consumismo sfrenato. Contro la crisi climatica ci basiamo sulla manifattura, economia circolare e agricoltura sostenibile. Nella ricerca ING International Survey, il cambiamento climatico e la diffusione dei rifiuti in plastica preoccupano il il 39% e il 35% degli italiani. Per gli stessi temi si preoccupano

“il 42% e il 37% degli spagnoli, il 31% e il 29% dei francesi, il 34% e il 39% dei britannici, il 38% e il 34% dei tedeschi, il 34% e il 29% degli americani e il 34% degli australiani”.

Nel nostro paese stiamo riducendo sempre di più l’uso della plastica e nel contempo facedno crescere il suo riciclo, rimanendo coerenti coi principi dell’economia circolare. In Italia il 70% degli intervistati si aspetta che le aziende agiscano, mentre lo chiedono

il 69% degli inglesi, il 67% dei francesi, il 60% degli australiani, il 56% dei tedeschi e il 53% degli americani”.

Anche se il percorso è agli inizi, dato che soltanto il 47% delle aziende è in grado d’agire in modo concreto per ridurre l’inquinamento.

Non solo le aziende, ad agire devono essere anche i consumatori. Migliorando il nostro stile di vita, possiamo dare il nostro contributo. Il 96% degli europei ha detto che ha gettato almeno un rifiuto di plastica al giorno, mentre il 38% addirittura tra i 3 ed i 5 giornalieri. Siamo al primo posto per il riciclo in Europa con il 92%,passando poi alla Germania 87% e Francia 83%. Gli USA invece  riciclano solo il 53% dei rifiuti.

Infine il riutilizzo degli oggetti, il 60% degli europei ha dichiarato che non getterà oggetti nei prossimi tre anni, invece li riutilizzerà. Gli italiani in questa classifica si pongono al 64%, mentre la Turchia è al 70%, Spagna al 69%, Romania al 66%, Francia 62%, Regno Unito 52%, Germania 49% e Paesi Bassi 43%.