Home News Covid in Lombardia, nuove strette alla movida e didattica a distanza

Covid in Lombardia, nuove strette alla movida e didattica a distanza

CONDIVIDI

La Lombardia ha imposto nuove restrizioni per evitare altri contagi da Covid. Tra i provvedimenti la chiusura delle sale bingo e slot.

Lombardia Covid
Le restrizioni riguarderanno soprattutto bar e ristoranti.

L’aumento di casi di Covid in tutta Italia ha “costretto” diverse regioni, tra cui la Lombardia, ad istituire nuove restrizioni.

A subire ulteriori restrizioni sarebbero stati bar, pub e ristoranti

Nello specifico la regione del nord Italia avrebbe fermato ulteriormente le attività di movida. Per quanto riguarda pub, bar e ristoranti, anche nel weekend la chiusura sarà allo scoccare della mezzanotte. Inoltre, per quanto riguarda i pasti e le bevande, quest’ultimi dopo le 18 dovranno essere serviti esclusivamente ai tavoli.

Stop alle competizioni dilettantistiche sino al prossimo 6 novembre

Non solo però, l’ordinanza emanata da Fontana ha imposto la chiusura delle sale slot, bingo e scommesse. Inoltre, sarebbero stati bloccati tutti gli sport di contatto a livello dilettantistico. La predetta ordinanza, infine, sarà attiva da quest’oggi, sabato 17 ottobre, e resterà in vigore sino al prossimo 6 novembre.

Niente lockdown quindi ma solamente nuove restrizioni per bar e ristoranti. Diverse novità anche per quanto riguarda la scuola però, infatti, le scuole superiori della Lombardia starebbero pensando ad un ritorno alla didattica a distanza.

“Le nuove misure non saranno drammatiche. I lombardi possono essere meno preoccupati ma devono essere attenti alle misure altrimenti c’è il rischio che l’epidemia degeneri. Io sono meno preoccupato che a marzo”.

Queste le parole del governatore lombardo Attilio Fontana. Inoltre, la predetta ordinanza sarà valida in tutta la Regione, senza essere modificata con ulteriori restrizioni a Milano o nelle altre zone più colpite.

Per quanto riguarda le attività di ristorazione, infine, nonostante l’obbligo di consumare ai tavoli dopo le 18, resta attivo il servizio di consegna a domicilio. Resteranno chiusi, inoltre, dalle 18 alle 6, i distributori automatici “h24” che distribuiscono bevande e alimenti confezionati.