Home News Covid-19 Francia, focolaio allevamento di visoni: abbattuti 1.000 esemplari

Covid-19 Francia, focolaio allevamento di visoni: abbattuti 1.000 esemplari

CONDIVIDI

Francia, nuovo allevamento di visoni positivo al Coronavirus: il governo ha deciso di uccidere più di 1.000 esemplari contagiati.

covid allevamento visoni Francia
Visone in gabbia – iStock

Un altro allevamento di visoni terrorizza la popolazione: molti esemplari sono risultati positivi al coronavirus in Francia.

Disposto l’abbattimento di mille esemplari da parte del governo francese.

Allevamenti di visoni positivi al Covid-19

Prima in Grecia e in Danimarca, ora anche in Francia risultano positivi ai test dei visoni di un allevamento.

Il Ministero dell’Agricoltura, il Ministero della Transizione Ecologica e il Ministero della Salute hanno confermato che l’allevamento di visoni a Eure-et-Loir è risultato contagiato dal Covid-19.

Come prevenzione il governo ha subito disposto l’abbattimento di almeno 1.000 esemplari di visone affinché il ceppo virale non subisca mutazioni e non poi si diffonda tra i cittadini come è accaduto in Danimarca.

Abbattimento di visoni come prevenzione

La regione della Centro-Valle della Loira perderà purtroppo 1.000 esemplari di visone per evitare la mutazione del virus e il contagio della popolazione.

Nel paese ci sono altri tre allevamenti di visoni e i Ministeri hanno subito indetto dei controlli immediati per appurare che non siano stati contagiati altri esemplari.

Delle indiscrezioni rivelano che in uno dei tre allevamenti nessun esemplare è risultato positivo al covid-19 mentre negli altri due tutte le analisi sono ancora in corso. I risultati saranno resi noti nei prossimi giorni e se ci fossero altri esemplari positivi al coronavirus il governo disporrà sicuramente l’abbattimento preventivo.

Europa, 17 milioni di visoni abbattuti

Un animale che continua a terrorizzare i cittadini e molti paesi europei poiché contrae e permette la mutazione del covid-19 inducendo anche un contagio animale-uomo.

La paura degli esperti è che il ceppo mutato nei visoni possa essere un ostacolo alla creazione del vaccino.

Fortunatamente l’allerta sugli allevamenti di visoni in Italia non ha trovato riscontri negli scorsi giorni, per ora tutti gli allevamenti sono risultati negativi e sicuri.

Non si può però dire lo stesso di Danimarca, Francia, Grecia, Svezia e Paesi Bassi: paesi che hanno dovuto decimare migliaia di esemplari a scopo preventivo. Si stimano almeno 17 milioni di visoni uccisi.