Home News Covid, controlli dei Nas nei bar degli ospedali: 1 su tre risulta...

Covid, controlli dei Nas nei bar degli ospedali: 1 su tre risulta irregolare

CONDIVIDI

Le verifiche sono state effettuate dal Comando dei Carabinieri per la Tutela della Salute, coordinandosi con il Ministero della Salute.

controlli nas bar ospedali

In totale sono stati controllati 382 esercizi, in 132 dei quali sono state riscontrate delle irregolarità.

Bar degli ospedali irregolari

Un bar su tre presenta almeno un’irregolarità. È quanto scoperto dai Carabinieri dei Nas durante i controlli a tappeto effettuati nei bar degli ospedali di tutta la penisola.

Come riporta Rainews24, ad accertarlo sono stati i militari dei Nas, che hanno effettuato una serie di ispezioni nelle strutture pubbliche e private italiane.

In totale sono stati controllati 382 esercizi, in 132 dei quali sono state riscontrate delle irregolarità.

Nello specifico, dieci persone sono state denunciate per detenzione di alimenti in cattivo stato di conservazione e per violazioni della sicurezza dei luoghi di lavoro.

Le sanzioni amministrative sono state in totale 128, per un totale di 125 mila euro.

Violazione delle norme anti-covid

Le irregolarità accertate dai Nas riguardano anche la violazione delle norme anti-covid.

In particolare, in 17 episodi è stata rilevata la mancata attuazione delle misure di prevenzione del Covid-19, quali a mancanza di gel disinfettanti o la mancata sanificazione dei locali.

I titolari di una struttura di Pietra Ligure sono stati multati con una sanzione da 400 euro, per violazione delle norme anti-covid: nel locale c’erano infatti molte più persone di quante potesse contenerne.

Il mese scorso le ispezioni dei Nas hanno toccato le guardie mediche dell’intera penisola. 

Fra le problematiche più diffuse, è stata riscontrata in particolare la presenza di medicinali scaduti, l’assenza delle misure anti covid e criticità per la sicurezza.

Nello specifico, i controlli hanno portato all’emissione di 19 denunce e 85 segnalazioni ai danni dei responsabili dei presidi sanitari.

In molte delle sedi sottoposte a controllo, è stata rilevata l’assenza di allarmi di un sistema di videosorveglianza funzionante.