Home News Covid, bollettino del 31 gennaio: 11.252 casi e 237 morti

Covid, bollettino del 31 gennaio: 11.252 casi e 237 morti

CONDIVIDI

Aggiornamento sulla situazione della pandemia da Covid-19 nel nostro Paese. I dati riportati sono quelli diffusi dal Ministero della Salute.

Il bollettino di oggi 31 gennaio 2021, con gli aggiornamenti sulla situazione del Covid-19 in Italia.

Il bollettino del 31 gennaio

L’evoluzione della pandemia in Italia è monitorata regolarmente dal Ministero della Salute sul portale ufficiale. Il report divulgato ogni giorno riporta i dati riferiti alla situazione nazionale.

Dai dati si evidenzia la curva dei contagi e dei morti e la condizione degli ospedali italiani, con riferimento al numero dei pazienti sintomatici ricoverati nelle terapie intensive.

Un ulteriore dato utile per il monitoraggio riguarda il numero di tamponi eseguiti nelle 24 ore.

Di seguito tutti i dati ufficiali:

  • Nuovi Contagi:11.252 contro i 12.715
  • Morti: 237  contro i 421 di ieri
  • Pazienti ricoverati con sintomi: -9.384
  • Pazienti in terapia intensiva: 2.215
  • Guariti: 20.396  contro i 16.764
  • Tamponi: 213.364 invece dei 298.010

Come appare dai dati, la curva dei nuovi casi è in diminuzione rispetto a ieri, cosi come quella riferita ai pazienti guariti è in aumento rispetto alla giornata di ieri. Il dato dei tamponi è in calo rispetto a ieri.

Pfizer: errore umano distrugge oltre 1000 dosi di vaccino

Erano i primi giorni del nuovo anno che l’Organizzazione Mondiale della Sanità, dava l’approvazione a ché il vaccino Pfizer- BioNtech, lo stesso già distribuito in Italia e nel resto d’Europa, fosse distribuito in tutti i paesi del mondo.

Peccato che appena venti giorni dopo il colosso farmaceutico, abbia fatto un passo indietro nella distribuzione preventivata in Italia, arrivando a tagliare del ben 29% la percentuale di invio del vaccino. 

Di fatto a fronte di prestiti a fondo perduto erogati alla multinazionale, quello che resta nelle mani del Paese sono contratti-fortezza delle case farmaceutiche con l’Unione Europea.

E mentre la Pfizer ha beneficiato, di chi ha firmato ingenuamente contratti blindati, l’Europa aspetta i vaccini alla mercé del diktat delle case produttrici.

Intanto giungono notizie impensabili, c’è chi distrugge le fiale perché convinto di un complotto e chi per distrazione rende inutilizzabili 1.100 fiale di vaccini Pfizer, perché accidentalmente spegne il frigorifero.

Come riferisce Leggo, questo è quanto avvenuto in Florida, nella Contea di Palm Beach, dove alcuni dipendenti hanno scoperto l’inconveniente.

Per ora è in corso un indagine per stabilire in quale modo sia stato possibile interrompere l’alimentazione del frigorifero.

Dopo i necessari controlli si è stabilito che l’incidente era un fatto isolato, che non ha inciso su precedenti somministrazioni e che i vaccini danneggiati sono stati distrutti per sicurezza.