Home News Covid, bollettino del 21 febbraio: 13.452 casi e 232 morti

Covid, bollettino del 21 febbraio: 13.452 casi e 232 morti

CONDIVIDI

Aggiornamento sulla situazione della pandemia da Covid-19 nel nostro Paese. I dati riportati sono quelli diffusi dal Ministero della Salute.

Il bollettino di oggi 21 febbraio 2021, con gli aggiornamenti sulla situazione del Covid-19 in Italia.

Il bollettino del 21 febbraio

L’evoluzione della pandemia in Italia è monitorata regolarmente dal Ministero della Salute sul portale ufficiale. Il report divulgato ogni giorno riporta i dati riferiti alla situazione nazionale.

Dai dati si evidenzia la curva dei contagi e dei morti e la condizione degli ospedali italiani, con riferimento al numero dei pazienti sintomatici ricoverati nelle terapie intensive.

Un ulteriore dato utile per il monitoraggio riguarda il numero di tamponi eseguiti nelle 24 ore.

Di seguito tutti i dati ufficiali:

Nuovi Contagi: 13.452 contro i 14.931
Morti: 232 contro i 251 di ieri
Pazienti ricoverati con sintomi: 4.272
Pazienti in terapia intensiva: 2.094
Guariti: 8.946 contro i 12.488
Tamponi: 250.986  invece dei  306.078

Come appare dai dati, la curva dei nuovi casi è in diminuzione rispetto a ieri, cosi come quella riferita ai pazienti guariti è in calo rispetto alla giornata di ieri. Il dato dei tamponi è in diminuzione rispetto a ieri.

Avellino, cammina per 15 chilometri per farsi vaccinare

Livia, 86enne di Calitri, è la nonna che con forte determinazione ha camminato per 15 chilometri per sottoporsi alla vaccinazione per il coronavirus.

Nel calendario delle vaccinazioni l’ardita signora avrebbe dovuto sottoporsi alla somministrazione della prima dose del siero Pfizer, appena prima delle ore 13, recandosi al centro polifunzionale di Bisaccia.

Per andare incontro alle necessità dell’anziana signora, una conoscente, che si occupa di svolgere per lei alcune faccende domestiche, si è proposta di portarla al centro.

Tuttavia come si legge anche sul Il Messaggero, in nonna Livia era così forte la voglia di fare la vaccinazione che non ha voluto aspettare.

Dunque erano da poco passate le 7 e 30 del mattino che ha deciso di prendere la strada per recarsi da sola, ed è uscita di casa.

Tuttavia la donna è arrivata quattro ore dopo a Bisaccia, ma era nel posto sbagliato.

Infatti l’anziana signora si è recata nell’ex ospedale, che è divenuto in seguito una struttura polifunzionale per la salute.

Dopo aver ammesso che la sua prenotazione era per per le 13, il personale della struttura sanitaria ha appurato che la donna doveva essere sottoposta alla prima dose di vaccino anti Covid.

Gli operatori della struttura hanno chiesto alla donna se era stata accompagnata da qualcuno, a Bisaccia la donna ha ammesso di aver

“percorso la gran parte della strada a piedi e di essere stata accompagnata, nel tratto finale, presso l’ex ospedale”.

Scoperto il lungo percorso fatto dall’intraprendente signora, gli  operatori del Di Guglielmo le hanno offerto un panino e dell’acqua, prima di accompagnarla presso il polifunzionale dove le è stata somministrata la dose di Pfizer.

In seguito con comandante dei caschi bianchi Gerardo Rollo, e un’assistente sociale, l’anziana donna è stata accompagnata presso la sua abitazione, nella parte vecchia del paese.

A chi non credeva possibile che la signora avesse potuto camminare cosi a lungo, il comandante Rollo dei vigili urbani di Bisaccia in merito ha affermato:

“Conosciamo la signora e non è la prima volta che percorre a piede il tratto di strada tra i due comuni”.

La signora Livia sono diversi anni che è vedova e vive a Calitri con uno dei figli, che il soffre di problemi di salute. Nonostante riceva l’assistenza di una conoscente, è evidente come la signora sia molto determinata e dedita al lavoro ed alla famiglia.