Home News Covid, bollettino del 18 dicembre: 17.992 casi e 674 morti

Covid, bollettino del 18 dicembre: 17.992 casi e 674 morti

CONDIVIDI

Aggiornamento sulla situazione della pandemia da Covid-19 nel nostro Paese. I dati riportati sono quelli diffusi dal Ministero della Salute.

Il bollettino di oggi 18 dicembre 2020, con gli aggiornamenti sulla situazione del Covid-19 in Italia.

Il bollettino del 18 dicembre

L’evoluzione della pandemia in Italia è monitorata regolarmente dal Ministero della Salute sul portale ufficiale. Il report divulgato ogni giorno riporta i dati riferiti alla situazione nazionale.

Dai dati si evidenzia la curva dei contagi e dei morti e la condizione degli ospedali italiani, con riferimento al numero dei pazienti sintomatici ricoverati nelle terapie intensive.
Un ulteriore dato utile per il monitoraggio riguarda il numero di tamponi eseguiti nelle 24 ore.

Di seguito tutti i dati ufficiali:

  • Nuovi Contagi: 17.992 contro i 18.236
  • Morti: 674 contro 683 i di ieri
  • Pazienti ricoverati con sintomi: -7.545
  • Pazienti in terapia intensiva: 2.819
  • Guariti: 22.272   contro i 27.913
  • Tamponi 179.800 invece dei 185.320

Come appare dai dati, la curva dei nuovi casi è in calo rispetto a ieri, cosi come quella riferita ai pazienti guariti è in diminuzione rispetto alla giornata di ieri. Il dato dei tamponi è in calo.

Sono milioni gli over 50 che non vogliono vaccinarsi

Secondo i dati provenienti dal sondaggio dell’Osservatorio Silver Trends, la cifra degli over 50 che non vorrebbe fare la vaccinazione anti-Covid 19, va da 1 a 3 milioni.

Al contrario i senior più anziani, che si trovano a vivere nelle zone in cui maggiormente ha colpito la pandemia, vedono il vaccino con ottimismo.

Il recente sondaggio dell’Osservatorio Silver Trends, come riporta Affaritaliani.it, è stato realizzato prendendo come riferimento il periodo che va dal 25 novembre al 7 dicembre.

Daniela Boccadoro Ameri, direttrice del Silver Economy Forum e founder di Altraeta.it, ha affermato:

“I risultati di questa indagine rendono evidente l’importanza di sensibilizzare gli scettici”.

Circa questa risposta negativa nei confronti della vaccinazione, la direttrice spiega che occorre far comprendere quali rischi sono connessi alla sottovalutazione di una tale emergenza sanitaria.

In tal senso Daniela Boccadoro Ameri ritiene che sia necessario dare voce e peso alle loro preoccupazioni, fornendo quelle informazioni necessarie sul vaccino per far sì che a usufruirne sia la società tutta.