Home News Coronavirus: positivo il commissario tecnico della Nazionale Roberto Mancini

Coronavirus: positivo il commissario tecnico della Nazionale Roberto Mancini

CONDIVIDI

Roberto Mancini anche se è positivo al coronavirus risulta in buone condizioni di salute poiché asintomatico. Resta comunque in isolamento presso la sua abitazione.

Roberto Mancini

Il commissario tecnico della Nazionale Roberto Mancini aveva fatto discutere per una vignetta pubblicata sui social dallo stampo negazionista.

Alla guida della Nazionale

Un ennesimo protagonista del mondo dello sport è risultato positivo al coronavirus. Si tratta di Roberto Mancini, il commissario tecnico della Nazionale italiana di calcio.

La notizia è stata diffusa dall’Ansa. Tutt’ora, nonostante la sua positività, il commissario è in isolamento domiciliare perché asintomatico, come vuole la prassi.

La positività del ct è stata comunicata a seguito degli screening di routine prima dei raduni che sarebbero avvenuti domenica prossima. Screening che rientrano nei controlli periodici realizzati dalla Figc prima che atleti e staff si incontrino in competizioni Uefa. Come vuole la procedura, la Figc ha avvisato subito la Asl.

Per il momento, il ct sarà sostituito da Evani, il suo vice. Mancini potrà rientrare soltanto dopo aver completato il suo percorso, seguendo le norme previste dalla federazione.

La sua uscita infelice

La positività di Roberto Mancini arriva come una vera e propria beffa. Il commissario tecnico, infatti, era finito al centro dell’attenzione mediatica a seguito di una sua uscita infelice.

Sui suoi social, infatti, aveva condiviso una vignetta di stampo negazionista. Nella vignetta, si vedeva un paziente covid rispondere alla domanda della dottoressa: Dove ha preso il virus? Il paziente rispondeva alla televisione.

Un’uscita che i protagonisti del mondo del calcio, spesso sotto i riflettori dei media non possono permettersi in un momento così delicato. Proprio lo sport, infatti, era stato definito dal Ministro della Salute Roberto Speranza, come fondamentale nel corso della pandemia.