Home News Coronavirus nel mondo, Irlanda conferma il lockdown: è il primo in Europa

Coronavirus nel mondo, Irlanda conferma il lockdown: è il primo in Europa

CONDIVIDI

E mentre la curva dei contagi del Coronavirus nel mondo continua ad aumentare, l’Irlanda decide per un nuovo lockdown.

Coronavirus nel mondo, Irlanda conferma il lockdown: è il primo in Europa

Il Coronavirus nel mondo sta superando i dati dei contagi e la curva non smette di aumentare. Ora, l’Irlanda ha deciso per il secondo lockdown ed è il primo Governo in Europa.

I contagi nel mondo

I dati aggiornati parlano chiaro e sembra proprio che la situazione dei contagi nel mondo sia sempre più grave. Negli Stati Uniti sono arrivati a quota 220 mila mantenendo così il primato mondiale di contagi (8,2 milioni) come da dati aggiornati della John Hopkins University. Anche in Europa il dato è preoccupante con una stima di 250mila vittime.

Il secondo Paese dove si registra un numero importante di deceduti è il Brasile con 154.000 persone. Non da meno la situazione in Argentina che si posiziona al quinto posto con 1 milione di casi accertati con un totale che arriva a 26mila morti. Le stime portano a pensare che nelle prossime settimane arriveranno ad un milione anche il Messico, la Colombia e il Perù.

Irlanda in lockdown

In vista di tutto questo, il Governo irlandese ha deciso per il secondo lockdown ed è il primo Paese europeo a prendere questa difficile decisione. Ad annunciarlo è stato il Primo Ministro Michael Martin che ha emesso l’ordine di stare a casa ma evidenziando che le scuole continueranno a rimanere aperte.

Dalla mezzanotte di mercoledì 21 ottobre per sei settimane tutti i negozi al dettaglio verranno chiusi, bar e ristoranti potranno solo provvedere al servizio di asporto e consegna a casa:

“a tutti gli abitanti viene chiesto di stare a casa. solo i lavoratori essenziali saranno autorizzati a recarsi a lavoro”

Questo il comunicato televisivo che ha fermato nuovamente il Paese. I cittadini potranno fare esercizio fisico solo entro cinque chilometri da casa e per tutte le persone che non rispetteranno tali misure ci sarà una sanzione.