Home Politica Coronavirus, il ministro Speranza: “Chiudere tutto ha salvato il Paese”

Coronavirus, il ministro Speranza: “Chiudere tutto ha salvato il Paese”

CONDIVIDI

Il ministro della Salute non dà seguito alle polemiche generate dopo la diffusione dei verbali del Comitato tecnico-scientifico sulla zona rossa di Alzano e Nembro.

le parole del ministro Speranza

Roberto Speranza si dice sereno rispetto alle scelte fatte dal governo per dare un freno all’avanzata del covid in Italia.

Le parole del ministro Speranza

“Chiudere tutto ha salvato l’Italia”

è l’inciso del ministro della Salute, Roberto Speranza, sulle decisioni del governo in merito all’emergenza coronavirus.

Come riferisce anche Tgcom24, il ministro ha rivendicato le scelte governative, che hanno consentito di evitare un’avanzata del virus, soprattutto nelle regioni del Sud.

“I dati di sieroprevalenza lo dimostrano”

ha sottolineato Speranza.

Per quanto concerne le polemiche nate dopo la diffusione dei verbali del Comitato tecnico-scientifico, il ministro si è detto molto sereno.

Sulla questione di Alzano e Nembro il ministro Speranza ha fornito la sua idea. Tra il 3 marzo e il Dpcm del 10 che chiude tutta l’Italia non c’è alcun buco, ha sottolineato Speranza. Il 4 marzo al ministro è arrivato il verbale del comitato tecnico-scientifico. Il 5 parte il colloquio con il premier Conte.

“Il 6 il premier vede il Cts e lì matura il cambio di linea, perché il tentativo di bloccare il virus in zone delimitate è superato dai numeri dell’epidemia in Emilia, Piemonte, Liguria, Marche. Il Dpcm dell’8 marzo che chiude solo le aree più colpite è pienamente conforme alle idee del Cts”.

È la ricostruzione dei passaggi prima della chiusura fatta da Speranza.

Per quanto riguarda l’apertura delle scuole previsto per il prossimo 14 settembre, il ministro si dice più che convinto che in quella data debbano riaprire tutti gli istituti scolastici.

Considerando che il rischio 0 non esiste, la cautela per evitare il diffondersi del virus occorre in altre realtà.

“I sacrifici che chiedo ai ragazzi sul metro di distanza nei treni o sulla movida hanno la scuola come obiettivo di fondo”

ha detto il ministro.