Home News Coronavirus in Spagna, divieto di fumo in strada: discoteche chiuse

Coronavirus in Spagna, divieto di fumo in strada: discoteche chiuse

CONDIVIDI

Dopo l’aumento in picchiata dei contagi registrati in Spagna, scatta il divieto di fumo in strada se non si può rispettare la distanza di due metri.

divieto di fumo per strada in Spagna

La misura, già introdotta in Galizia e nelle Baleari ed ora estesa a tutto il Paese, rientra in nuovo pacchetto di restrizioni per far fronte alla nuova ondata di coronavirus che sta colpendo la nazione europea.

Divieto di fumo in strada in Spagna

Dopo l’aumento dei contagi da coronavirus in Spagna, il governo ha disposto il divieto di fumo per strada se non si può rispettare la distanza di 2 metri.

Come riferisce anche Adnkronos, la misura restrittiva era già scattata in Galizia e nelle Baleari e si è ora estesa a tutto il Paese.

Il ministro della salute spagnolo, Salvador Illa, ha già annunciato l’adozione di 11 misure precauzionali come la chiusura delle discoteche ed un maggiore controllo sull’utilizzo delle bottiglie nei locali notturni.

Il ministro ha poi raccomandato la necessità di limitare gli incontri ai gruppi più vicini, cercando di non superare il limite di 10 persone e fare frequentemente i test nei centri sociali.

Seconda ondata di contagi

La Spagna sta vivendo in questa giorni la seconda ondata di contagi. In particolare, nel Paese ieri si sono registrati quasi 3mila nuovi casi in sole 24 ore, in netto rialzo rispetto ai 1.690 del giorno prima.

Madrid è la città più colpita, con 842 nuove infezioni. Il bilancio complessivo è ora di 337.334 casi, con 28.605 vittime, 70 nell’ultima settimana.

Un altro stato confinante, la Francia, sfiora i 2700 casi in sole 24 ore.

Misure restrittive anche in Croazia: da oggi, 14 agosto, l’orario di apertura di tutte le discoteche ed i locali notturni e bar è consentito fino alla mezzanotte.

In Croazia, infatti, nelle ultime 24 ore si sono registrati 208 nuovi casi di coronavirus.

La Gran Bretagna imporrà la quarantena di 14 giorni a chi arriverà dai seguenti Paesi: Francia, Olanda, Monaco, Malta e Aruba.