Home News Coronavirus in Europa, boom di contagi in Francia e Spagna: le decisioni...

Coronavirus in Europa, boom di contagi in Francia e Spagna: le decisioni sulle restrizioni

CONDIVIDI

Il coronavirus in Europa dilaga e sono state attuate nuove misure restrittive dopo il boom dei contagi.

Coronavirus in Europa, boom di contagi in Francia e Spagna: le decisioni sulle restrizioni

Ci sono tantissimi nuovi contagi e il coronavirus in Europa non smette di far alzare l’asticella di contagiati e deceduti.

La situazione in Europa

Una situazione terribile controllata sotto la lente di ingrandimento e in tutta Europa il boom di contagi porta a nuove misure restrittive. Focus sulla Francia che solo nelle ultime 24 ore ha registrato 52mila casi, come da annuncio del Ministro della Sanità. Il Paese ad oggi conta 1.138,507 casi con decessi calcolati a 116 in un solo giorno portando così il totale a 34.761.

Un record di casi come da allarme dell’Oms che sembra non voler cessare il suo cammino.

Ma la situazione in altri Paesi, come la Spagna non è migliore. Infatti è in vigore lo stato di emergenza per 15 giorni con coprifuoco dalle ore 23 alle ore 6 del mattino: emergenza che potrebbe protrarsi sino al mese di maggio. Misure straordinarie che devono far fronte all’ondata che sta colpendo tutti i Paesi europei e non solo.

In Gran Bretagna si è registrato un record di 20mila casi  in un giorno. Il Governo è all’opera per vaccinare quanto prima medici e infermieri entro Natale, ovvero chi lotta in prima linea per salvare la popolazione da questo virus. L’immunologo della task force della Casa Bianca – Fauci – ha evidenziato che il piano è ancora in elaborazione:

“sapremo se un vaccino sarà sicuro entro inizio dicembre ma per farlo arrivare a tutti ci vorranno diversi mesi”

La Germania ha registrato nelle ultime 24 ore sino a 11mila nuovi casi, come da comunicazione dell’Istituto Koch responsabile di tracciare l’andamento del virus ed è altresì consulente del Governo tedesco.

La situazione nel mondo

Nel mondo la situazione è ancora molto preoccupante, infatti solo negli Stati Uniti sono stati registrati 83mila nuovi casi di contagio mentre in Colombia si è superato un milione di casi.