Home News Coronavirus nel Mondo, Francia chiude per altri 15 giorni: seconda ondata travolge...

Coronavirus nel Mondo, Francia chiude per altri 15 giorni: seconda ondata travolge la Svezia

CONDIVIDI

La situazione del coronavirus nel mondo ha ancora effetti devastanti, tanto che la Francia chiude per altri 15 giorni.

Coronavirus nel Mondo, Francia chiude per altri 15 giorni: seconda ondata travolge la Svezia

I dati del coronavirus nel mondo preoccupano e i vari Governi si attivano per prendere misure restrittive sempre più severe.

La situazione in Francia

Nel mondo i dati di diffusione del virus Covid 19 stanno preoccupando nuovamente. Intanto in Francia il governo ha deciso di non variare le regole del lockdown per altri 15 giorni sino a quando la curva del contagio non si abbassa.

Lo ha comunicato ieri il Premier Castex mettendo nero su bianco che i negozi “secondari” dovranno restare chiusi e le persone a casa. Il Premier ha quindi evidenziato che man mano si andranno ad alleggerire queste misure soprattutto in vista del Natale, così che i francesi possano incontrare le famiglie.

Nonostante questo chiede collaborazione e di non acquistare biglietti di treni e aerei, non sapendo come sarà la situazione da qui a breve.

La Svezia travolta dalla seconda ondata

Arrivando in Gran Bretagna si è registrato un picco di casi nelle ultime 24 ore con 33.470 nuovi casi ma bisogna tenere conto anche dell’aumento dei test che sono stati svolti in questi giorni arrivando a 377.608. In calo i morti che sono stati segnalati anche se i dati sono ancora molto preoccupanti.

Leggi qui: Bollettino Italia 12 novembre 2020

In Germania è stato deciso che in caso di carenza del personale sanitario, si potranno richiamare quelli positivi che lavoreranno in diverso modo e con misure di protezione molto particolari. Lo ha definito il Ministro della Salute Spahn per ovviare alla mancanza di personale e al boom di ricoveri in questi giorni.

La Svezia preoccupa per il boom di contagi nella sua seconda ondata. Questo è l’unico Paese in Europa a non aver messo l’obblico di mascherine nel mese di marzo esattamente come chiusure e distanziamento sociale. Ma i pazienti sono aumentati del 60% rispetto alle settimane precedenti. Le autorità locali mettono nero su bianco di come la situazione ad oggi sia preoccupante.