Home News Virus Cina, contagi ed epidemia in varie parti del mondo: dall’Iran alla...

Virus Cina, contagi ed epidemia in varie parti del mondo: dall’Iran alla Corea

CONDIVIDI

Il Coronavirus nel mondo: dalla Cina all’Iran passando per la Corea. Gli ultimi aggiornamenti.

coronavirus

Se negli ultimi giorni i casi di contagio da Coronavirus in Cina sembravano diminuiti, oggi si è assistito ad un nuovo picco.

Covid-19 un virus non solo cinese

Il Coronavirus ormai sta destando preoccupazione in tutto il mondo. Dopo i casi che si stanno registrando in Italia nelle ultime ore, anche nei paesi asiatici stanno aumentando i focolai di contagio.

In Corea del Sud le autorità di Seul hanno confermato cento casi: sono 204 i contagiati escludendo i casi presenti sulla nave Diamond Princess. La maggior parte delle persone contagiate farebbe parte di una congregazione religiosa a Daegu dove ai cittadini è stato chiesto di rimanere nelle proprie case. I contagi potrebbero essere stati generati da un paziente che ha fatto da super diffusore. Si tratterebbe di una 61enne appartenente appunto alla confraternita e che avrebbe avuto a che fare con moltissime persone. In Corea c’è stato anche il primo decesso.

In Giappone c’è l’allarme per i passeggeri della nave che sono stati fatti sbarcare nonostante ci fosse scetticità: la quarantena a bordo è stata davvero efficace?

In Iran sono morti due uomini ma ora si sono registrati altri tre contagi noti ma molti altri, probabilmente, ignoti secondo la stampa locale.

La situazione in Cina

Il numero dei contagiati in Cina è tornato a salire dopo qualche giorno di stabilità, da 349 a 631 nell’Hubei. E’ morto anche un medico di 29 anni che era rimasto in servizio decidendo di rimandare il giorno delle sue nozze. Si tratta di Peng Yinhua che lavorava nell’ospedale di Wuhan. Dopo il ricovero, il 25 gennaio, le sue condizioni di salute erano precipitate.

Degenera anche la situazione nelle carceri: 512 i casi registrati. A Pechino un focolaio è stato individuato nell’ospedale Fuxing con 36 casi. La notizia positiva è comunque, che il numero dei pazienti guariti è in continuo aumento.