Home News Coronavirus, bollettino del 4 dicembre: 24.099 casi e 814 morti

Coronavirus, bollettino del 4 dicembre: 24.099 casi e 814 morti

CONDIVIDI

Aggiornamento sulla situazione della pandemia da Covid-19 nel nostro Paese. I dati riportati sono quelli diffusi dal Ministero della Salute.

Il bollettino di oggi, 4 dicembre 2020, con gli aggiornamenti sulla situazione del Covid-19 in Italia.

Il bollettino del 4 dicembre

L’evoluzione della pandemia in Italia è monitorata regolarmente dal Ministero della Salute sul portale ufficiale. Il report divulgato ogni giorno riporta i dati riferiti alla situazione nazionale.

Dai dati si evidenzia la curva dei contagi e dei morti e la condizione degli ospedali italiani, con riferimento al numero dei pazienti sintomatici ricoverati nelle terapie intensive.
Un ulteriore dato utile per il monitoraggio riguarda il numero di tamponi eseguiti nelle 24 ore.

Di seguito tutti i dati ufficiali:

  • Nuovi Contagi: 24.099 contro i 23.225
  • Morti: 814  contro i 993 di ieri
  • Pazienti ricoverati con sintomi: 2.280
  • Pazienti in terapia intensiva: 3.576
  • Guariti: 25.576  contro i 23.474
  • Tamponi: 212.741 invece dei 22.561

Come appare dai dati, la curva dei nuovi casi è in leggero aumento rispetto a ieri, cosi come quella riferita ai pazienti guariti è in  aumento rispetto alla giornata di ieri. Il dato dei tamponi è in aumento

Emergenza covid: l’opinione degli esperti

Nella pandemia i numeri si rincorrono e determinano lo spartiacque tra un’emergenza e una gestione del virus che mette al riparo la vita delle popolazione.

Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova, in una intervista riportata da Adnkronos, ha affermato che se si arrivasse a gestire 1000 nuovi casi al giorno, questo starebbe a significare che ci troviamo in una relativa tranquillità che permetterebbe di allentare delle misure restrittive.

Tuttavia Matteo Bassetti, membro dell’Unità di crisi Covid-19 della Liguria. ha tenuto a precisare :

“Ma non possiamo fare errori del passato”.

Per quanto la pandemia generi il panico e la paura, mantenendo una condotta attenta e, scendendo sotto soglia dei mille casi al giorno si può pensare di riprendere alcuni comportamenti, senza però allentare le maglie dell’attenzione. E concludendo Bassetti ha sottolineato:

“non possiamo dire che l’emergenza è finita”.

Roberto Speranza, ministro delle Salute ha detto che al momento nel Paese si segnalano 320 casi ogni 100mila abitanti. Questo vuol dire che il dato va portato a 50 casi ogni 100mila abitanti.