Home News Coronavirus, bollettino 28 ottobre: nuovo picco di contagi

Coronavirus, bollettino 28 ottobre: nuovo picco di contagi

CONDIVIDI

Consueto aggiornamento sulla situazione della pandemia da Covid-19, con i dati ufficiali diffusi dal Ministero della Salute.

bollettino 28 ottobre

Il bollettino del 28 ottobre: tutti i dati dell’emergenza coronavirus in Italia.

Il bollettino del 28 ottobre

Il Ministero della Salute ha diffuso i dati ufficiali riguardanti l’emergenza coronavirus in Italia. Ecco i numeri dei contagi, dei decessi, e dei ricoverati con sintomi e dei pazienti più gravi in terapia intensiva.

I decessi registrati nelle ultime 24 ore sono 205, mentre i ricoveri in terapia intensiva aumentano di 125 unità.

Sono 24.991 i casi di coronavirus registrati in Italia nelle ultime 24 ore, su un totale di 198.952. E’ il dato più alto mai registrato dall’inizio della pandemia.

Il numero delle vittime sale a 37.905, con un incremento giornaliero di 205 decessi. La Regione in cui si registra il maggior numero di nuovi contagi è la Lombardia, con 7.558 positivi.

Crescono anche i ricoveri nelle terapie intensive: l’aumento registrato oggi è di 125 ricoveri in più a livello nazionale per un totale di 1.536, mentre i ricoveri salgono di 1.026, per un totale di 14.981.

Siglato l’accordo per i tamponi dai medici di famiglia

È stato siglato questo pomeriggio l’accordo per la fornitura dei tamponi anche a medici di famiglia e pediatri. 

Il governo, come annunciato dal ministro della Salute, Roberto Fontana, investirà 30 miliardi per sostenere l’operazione. Ai medici verranno forniti anche camici, mascherine FFp2 e visiere.

Intanto, la virologa Ilaria Capua ha lanciato una proposta per una nuova tipologia di isolamento. La virologa, infatti, il lockdown del Paese sarebbe da evitare per evitare le ripercussioni economiche già note.

Piuttosto, si potrebbe valutare un mini lockdown riservato solo ad alcune categorie di persone: anziani e persone con patologie. Un’ipotesi che permetterebbe all’Italia di andare avanti, senza una serrata totale, e tutelerebbe le categorie maggiormente a rischio contagio.