Home News Coronavirus, bollettino 10 novembre: 580 morti e 35.098 casi

Coronavirus, bollettino 10 novembre: 580 morti e 35.098 casi

CONDIVIDI

Consueto aggiornamento giornaliero sulla situazione della pandemia da Covid-19 nel nostro Paese con i dati diffusi dal Ministero della Salute.

 

Il bollettino di oggi martedì 10 novembre 2020 con gli aggiornamenti sulla situazione del Covid-19 in Italia.

Il bollettino di oggi 10 novembre 2020

I dati ufficiali sulla pandemia nel nostro Paese, sono divulgati come ogni giorno dal Ministero della Salute sul portale ufficiale. Il report trasmesso ogni giorno alle 17, riporta i dati riferiti alla situazione nazionale.

I dati mostrano la curva dei contagi e dei morti e la situazione degli ospedali italiani, e fanno riferimento al numero dei pazienti sintomatici ricoverati nelle terapie intensive.

Un dato utile per il monitoraggio evidenzia il numero di tamponi eseguiti nelle 24 ore.
Ecco dunque di seguito tutti i dati ufficiali:

  • Nuovi Contagi: 35.098  contro i 25.271
  • Morti:580 contro i 356 di ieri
  • Pazienti ricoverati con sintomi:28.633
  • Pazienti in terapia intensiva: totali 2.791
  • Guariti:17.734  contro i 6.183
  • Tamponi: 17.740  invece dei 147.725

5 Regioni passano dalla zona gialla a quella arancione

Ridisegnata la mappa dell’Italia: aree gialle, arancioni e rosse. Vediamo quali le Regioni appartenenti ad ogni fascia. Sono Abruzzo, Basilicata, Liguria, Toscana e Umbria le regioni che passano dalla zona gialla a quella arancione.

Secondo quanto emerso dopo ultimo monitoraggio dell’Istituto superiore di sanità e riportano le maggiori testate fra cui Fanpage,  le nuove aree saranno in vigore a partire da mercoledì 11 novembre.

Per queste regioni valgono le medesime restrizioni valide per la zona gialla, iniziando dal coprifuoco, a cui andranno a sommarsi anche ulteriori.

Una di queste è il divieto di spostamento in un’altra Regione o, in un altro comune, salvo per ‘accertati’ motivi di lavoro, studio e salute. Viene inoltre invitata la popolazione ad evitare spostamenti non necessari all’interno del proprio comune di appartenenza.

Sarà presa nelle prossime ore la decisione se lasciare la Campania in zona gialla o, come sembra sempre più possibile, spostarla per ora nella zona arancione. Nella regione si sono registrati 3.120 casi, ma con meno tamponi, e sono aumentati i decessi.