Home Politica PD a Conte: sulla Fase 3 non può andare avanti così

PD a Conte: sulla Fase 3 non può andare avanti così

CONDIVIDI

Ok agli Stati generali dell’economia e costruire la ripresa dopo emergenza Covid-19

La Convocazione degli Stati generali dell’Economia e l’illustrazione del Recovery plan‘ sono state delle iniziative ‘unilaterali’.

Pertanto, non ci sarebbe stata una preventiva convergenza neanche sugli inviti al tavolo che si dovrebbe tenere a metà della prossima settimana.

La richiesta pervenuta dagli alleati al Premier Conte è quella di condividerne l’iter senza creare eccessive aspettative.

Fonti dem precisano che

“è stata confermata l’esigenza di costruire da subito un percorso per affrontare in maniera adeguata le grandi sfide economiche e sociali che abbiamo dinnanzi”.

Dopo i danni devastanti del Covid-19 il Governo Conte ha affrontato con risultati positivi la crisi sanitaria che ha investito l’Italia e tutto il mondo.

L’obiettivo è quello di

“dare risposte adeguate ai devastanti danni che il Covid ha inferto al nostro Paese e costruire la ripresa nella direzione dell’innovazione, della sostenibilità e della coesione sociale e territoriale”.

PD, il vice segretario Orlando parla di “idea poco felice”

Il vice segretario del Pd Orlando parla di

“idea poco felice”,

mentre il M5S difende le prerogative del Premier Conte.

Il Ministro dell’Economia Gualtieri spiega che, trattandosi di Stati generali dell’Economia, l’interlocuzione con le categorie dovrebbe coinvolgere in primis lo stesso.

Si tratterebbe di una rivendicazione del ruolo per una operazione che rischia di non essere pianificata a tavolino e di non essere compresa.

Il Premier e Gualtieri Conte lavoreranno per definire l’Agenda degli Stati generali ed i punti del programma del ‘Recovery plan’.

Il Premier Conte ha ribadito che il piano c’è e che intende portarlo avanti.

Le posizioni di Italia Viva

Anche i renziani di Italia Viva appoggiano l’operato del premier Conte in attesa del piano shock e del Family Act.

La preoccupazione maggiore è legata alla tenuta del Movimento 5 stelle che ufficialmente resta sulle sue posizioni sia su Atlantia che sul MES.

Per quanto concerne il Decreto Semplificazioni è destinato a slittare.