Home Politica Consultazioni: martedì alle 17:00 l’incontro con il M5s

Consultazioni: martedì alle 17:00 l’incontro con il M5s

CONDIVIDI

Le consultazioni di Draghi riprenderanno lunedì, alle 15:00, con il gruppo misto della Camera. La chiusura si prevede per martedì alle 17:00 con il M5s.

consultazioni

Per le consultazioni di martedì, il movimento si è detto pronto alla lealtà.

Secondo giro di consultazioni

Le consultazioni torneranno, con il secondo giro, con Mario Draghi, a partire dalle 15:00 di lunedì con il gruppo misto della Camera. Si chiuderanno il prossimo martedì 17:00 con il Movimento 5 stelle.

A proposito di questo incontro, il movimento si è detto pronto alla lealtà. In particolare Vito Crimi ha ribadito che il governo dovrebbe avere:

“un’ambizione solidale, ambientalista, europeista. E partendo da quello che è stato già realizzato”.

Crimi ha anche aggiunto che, in Draghi, il Movimento ha trovato umiltà ma anche volontà di creare un governo politico, così come ha ribadito Conte. Le criticità dell’ultimo Governo, secondo Crimi, andrebbero superate.

Inoltre, il Recovery Plan, stando a quanto ha affermato Crimi, dovrebbe essere attuato non soltanto nell’interesse dei progetti. I fondi ci sono e devono essere investiti con onestà e trasparenza ma sempre nell’interesse dei cittadini. Il bene dell’Italia deve essere messo al primo posto.

Intanto, Beppe Grillo ha scritto un post dal titolo In alto i profili che sembra essere una sorta di lista di temi da affrontare durante la consultazione.

La Lega di Salvini

Il leader della Lega, Matteo Salvini, ha affermato, alla fine della sua interlocuzione con Draghi, che il suo partito non vuole porre condizioni. Questo perché il bene del paese deve avere la meglio su tutto, superando, a sua detta, qualsiasi interesse politico.

Per Salvini, la mezz’ora di consultazione, è stata interessante e stimolante. Le loro idee coincidono su molto. Si è detto anche a disposizione per un confronto anche perché la lega è il primo partito del paese.

Ognuno dovrebbe, a detta di Salvini, rinunciare a qualche priorità per  camminare insieme nel bene del paese.