Home Casi Coniugi scomparsi a Bolzano, trovati un paio di scarponi da trekking: “Sono...

Coniugi scomparsi a Bolzano, trovati un paio di scarponi da trekking: “Sono di Peter Neumair”

CONDIVIDI

Dopo il ritrovamento del corpo di Laura Perselli, un nuovo elemento conferma l’ipotesi che il cadavere del marito sia ancora nelle acque dell’Adige.

ritrovati scarponcini Peter

Intanto, per via delle avverse condizioni meteo, le operazioni dei vigili del fuoco e delle altre forze impegnate nelle ricerche sono state sospese.

Il ritrovamento del corpo di Laura

Lo scorso sabato mattina, nelle acque del fiume Adige, è stato ritrovato il corpo di Laura Perselli, l’insegnante scomparsa insieme al marito, Peter Neumair, lo scorso 4 gennaio dalla loro abitazione in via Castel Roncolo a Bolzano.

Il corpo di Laura Perselli è stato ripescato dall’Adige tra gli abitati di San Floriano e Laghetti, a sud di Bolzano.

Il corpo della donna non presentava segni di imbragature o pesi che lo tenessero sul fondo, ma è stato trovato incagliato tra le rocce del fiume Adige, il che ne ha permesso il ritrovamento.

Per la scomparsa e il presunto omicidio dei due coniugi, è stato arrestato il figlio Benno, insegnante 30enne, accusato di omicidio colposo e occultamento di cadavere.

“Mia mamma non c’è più, non sono stato io“

avrebbe detto il ragazzo quando ha saputo del ritrovamento del cadavere della madre.

Le ricerche di Peter Neumair

Le operazioni dei vigili del fuoco e delle altre forze impegnate nelle ricerche del corpo di Peter Neumair sono state sospese per qualche ora per le avverse condizioni meteo.

Le ricerche riprenderanno domattina. Intanto, è notizia di oggi che sono stati ritrovati degli scarponcini da trekking lungo il corso del fiume Adige,

Come riferisce anche La Repubblica, fonti vicine alla famiglia dei due coniugi scomparsi avrebbero confermato che si tratta proprio degli scarponcini di Peter Neumair.

Atteso nei prossimi giorni l’esame autoptico sul corpo di Laura Perselli, che potrà fornire risposte sulla morte dell’insegnante.

L’ipotesi degli inquirenti è che Benno abbia avvelenato i genitori la notte del 4 gennaio scorso e poi si sia disfatto dei loro corpi, gettandoli nel fiume Adige.