Home Cronaca Como, chiedono ai clienti di indossare la mascherina: picchiati i gestori di...

Como, chiedono ai clienti di indossare la mascherina: picchiati i gestori di un rifugio alpino

CONDIVIDI

Gli aggressori sarebbero un uomo ed una donna, che hanno colpito il gestore e la figlia con bastoni da trekking.

aggressione rifugio alpino

I proprietari del rifugio alpino hanno rivolto un appello su Facebook, con annessa foto dei due, alla popolazione comasca, per aiutarli a riconoscere e denunciare i due violenti.

Aggressione in un rifugio alpino di Como

Li hanno invitati ad indossare le mascherine, come previsto dalle normative vigenti, ma in tutta risposta hanno subito una violenta aggressione.

È quanto accaduto domenica mattina ai gestori del rifugio Alpe di Colonno a Como. Come riferisce anche Tgcom24, i proprietari del locale hanno notato due clienti, uomo e donna, sprovvisti di mascherina e li hanno quindi esortati ad indossarla.

I due, però, evidentemente non hanno gradito quell’invito ed hanno pesantemente aggredito i proprietari, anche con bastoni da trekking.

In particolare l’uomo della coppia ha utilizzato i bastoni, ferendo la moglie ed il figlio del proprietario, che hanno riportato diverte ferite.

L’appello sui social per ritrovare i due aggressori

I due proprietari, dopo aver denunciato l’accaduto alle forze dell’ordine, hanno deciso di appellarsi al popolo del web. Hanno pubblicato un post su Facebook, corredato di foto, in cui si vedono, seppur non nitidamente i volti dei due presunti aggressori.

“Gentilmente chiunque veda o riconosca queste due persone contatti i carabinieri di Castiglione”

si legge nel post, che prosegue:

“Siamo stati picchiati da queste due persone per aver detto loro gentilmente di mettere la mascherina”.

Dei due aggressori per ora nessuna traccia, ma i proprietari del rifugio hanno fatto sapere che si tratta certamente di due italiani.

Il post ha ricevuto decine di condivisioni sul web. Tanti coloro che hanno espresso solidarietà ai proprietari del rifugio Alpe di Colonno. Sulla vicenda indagano anche le forze dell’ordine.