Home News Cometa Swan, quando si potrà vedere ad occhio nudo?

Cometa Swan, quando si potrà vedere ad occhio nudo?

CONDIVIDI

Possiamo vedere la cometa Swan, senza necessità di telescopi. Potremo ammirarlo semplicemente alzando gli occhi al cielo: ecco quando!

cometa swan

Possiamo godere dello spettacolo della cometa Swan, guardando semplicemente il cielo. Dopo la delusione della cometa Atlas, che si è frantumata, ora possiamo vedere la 2020 F8  (SWAN). È stata scoperta nel mese di aprile ed è l’ennesimo spetttacolo astronomico dell’anno.

La nuova cometa in arrivo

La notizia del suo passaggio ci arriva direttamente dalla NASA nella nota sezione “foto del giorno”. È arrivata dal sistema solare esterno ed è ora in transito nell’orbita della Terra. Questa cometa è composta da ghiaccio e il 13 maggio si troverà nel suo perigeo, cioè il punto più vicino alla Terra. Dopo il passaggio, raggiungerà il sole, dove arriverà il 27 maggio.

La Nasa ha spiega che nonostante le comete siano scarsamente luminose, la cometa Swan potrebbe al contrario essere visibile ad occhio nudo nel mese di giugno.

“L’immagine in primo piano, scattata dai cieli oscuri della Namibia a metà aprile, ha catturato la chioma verde brillante della cometa SWAN e la coda di ioni inaspettatamente lunga, dettagliata e blu.”

A scoprire la cometa è stato Michael Mattiazzo, un astronomo dilettante australiano l’11 aprile. Stava analizzando i dati dell’Osservatorio solare ed eliosferico della NASA – SOHO, dove ha potuto notare l’apparizione della cometa nelle foto riprese il 25 marzo. È stata battezzata con il nome dalla telecamera SWAN di SOHO, che è stato progettato per esaminare l’idrogeno nel sistema solare. La scoperta è un stata fortuita, dovuta alla perdita di idrogeno dovuta al ghiaccio d’acqua.

Alle nostre latitudini potremo osservarla al meglio intorno al 12 maggio quanto si troverà al perigeo. Secondo i calcoli effettuati, dovrebbe trovarsi ad una distanza di 84 milioni di km. Intorno al 27 maggio la cometa sarà vicinissima al sole, punto chiamato perielio, a circa 64,4 milioni di km dal nostro astro. È bene ricordare che potrebbe seguire la sorte della cometa Atlas, cioè disgregarsi completamente. Potremo prevedere il comportamento solo seguendo il suo comportamento, servendoci anche del canale twitter dedicato all’evento