Home News Rimborso Irpef 730/2020: come verificare l’accredito e quando scade

Rimborso Irpef 730/2020: come verificare l’accredito e quando scade

CONDIVIDI

Sai come verificare l’avvenuto rimborso Irpef 730/2020? Ecco tutte le novità per i pensionati: servizio di assistenza, scadenze e come consultare il cedolino della pensione di agosto.

banconote euro vari tagli – iStock

Scoprite come verificare l’avvenuto rimborso Irpef 730/2020 in modo facile: tutte le novità tra cui scadenze e uso del servizio ‘Assistenza fiscale (730-4)’.

Quest’anno a causa del Coronavirus ci sono delle novità per i pensionati per quanto riguarda il rimborso Irpef del 730: il rimborso ora è collegato alla data di invio della dichiarazione dei redditi.

La scadenza per inviare il 730 normalmente era il 23 luglio 2020 ma è stata prorogata per l’emergenza Covid-19.

Il decreto Cura Italia ha spostato la data di consegna dei documenti al 30 settembre 2020.

Come funziona il rimborso 730?

Ricordando che è un credito maturato dai pensionati per aver pagato più tasse rispetto al dovuto, presentando il modello 730 è possibile stabilire:

  • redditi percepiti
  • detrazioni fiscali applicabili
  • l’importo delle imposte

Se viene riscontrata l’esistenza di un credito questo viene rimborsato insieme alla pensione ma in date diverse in base alla data di invio dei documenti.

Come verificare rimborso 730/2020?

I contribuenti che inviano il modello 730/2020 entro il termine ultimo del 30 settembre 2020 potranno ricevere il rimborso a partire dal mese successivo perciò da ottobre 2020.

Con l’invio della documentazione nel mese di settembre avviene un automatico differimento della data a partire dalla quale l’INPS darà inizio alla procedura di rimborso.

Ecco quali sono delle date da rispettare per l’invio da parte dei CAF della dichiarazione dei redditi, entro il:

  • 15 giugno per le dichiarazioni presentate entro il 31 maggio
  • 29 giugno per le dichiarazioni presentate dal 1 al 20 giugno
  • 23 luglio per quelle presentate dal 21 giugno al 15 luglio
  • 15 settembre per quelle presentate dal 16 luglio al 31 agosto
  • 30 settembre per le dichiarazioni presentate dal 1 al 30 settembre

Come usare ‘Assistenza fiscale (730-4): servizi al cittadino

Se il rimborso non viene effettuato è possibile presentare una richiesta all’Ufficio dell’Agenzia delle Entrate del proprio luogo di residenza.

Bisogna allegare alla richiesta una certificazione che attesti il conguaglio non eseguito e perciò anche il rimborso non avvenuto.

L’INPS ha anche reso noto ai cittadini che sono in grado di verificare autonomamente se il rimborso è avvenuto attraverso il servizio ‘Assistenza fiscale (730-4): servizi al cittadino’.

Questo servizio si può trovare sul:

  1. Sito INPS
  2. App INPS mobile

Ecco cosa potete consultare attraverso questo servizio:

  1. importo dettagliato delle trattenute e dei rimborsi mensili nella risultanza contabile
  2. avvenuta ricezione del rimborso con gli importi dettagliati
  3. conferma che i conguagli sono stati abbinati alle prestazioni
  4. il diniego con la comunicazione dell’Agenzia delle Entrate (se non c’è il rapporto di sostituzione di imposta)

Lo scorso 15 luglio l’INPS ha caricato il cedolino delle pensioni di agosto attraverso il quale si può controllare l’importo della pensione di agosto e altre voci come appunto l’accredito o addebito sulla pensione in base al modello 730 presentato.

Vuoi continuare a seguirci? Clicca sulla stellina qui su Google News!