Home News Come sarebbe la Terra senz’acqua? Immagini di uno scenario agghiacciante – Video

Come sarebbe la Terra senz’acqua? Immagini di uno scenario agghiacciante – Video

CONDIVIDI

Come sarebbe la Terra senza acqua? Elemento alla base della vita sul nostro pianeta: ecco come sarebbe se sparisse

Come sarebbe la Terra senz’acqua
Come sarebbe la Terra senz’acqua

Cosa accadrebbe ad una Terra senza acqua? A dircelo è un video mostrato da James O’Donoghue, scienziato che ha lavorato per la Nasa. Questo filmato ci fa vedere come sarebbe il pianeta Terra privo dell’acqua di tutti gli oceani.

Le immagini dei video

Circa tre quinti della superficie della Terra sono ricoperti dalle acque degli oceani, che non sono piatti, bensì del tutto simili alle terre emerse con montagne e valli.

A partire dal 2008 la NASA ha fatto diverse simulazioni di questo scenario. La prima di queste mostra cosa accadrebbe se ci fosse un abbassamento importante del livello del mare. Lentamente verrebbe mostrato cosa si nasconde sotto il livello del mare, ovvero:

  • 140 metri di profondità: potremo vedere le basi dei nostri continenti ad eccezione delle regioni artiche e antartiche.
  • Tra i 2000 ed i 3000 metri: troviamo le dorsali oceaniche
  • Attorno 6000 metri paragonabile alle attuali zone costiere
  • Al di sotto dei 6000 metri: ci troveremo negli abissi, ma sarebbero ancora bagnati. Troveremo ancora acqua in zone come la Fossa delle Marianne che ha il suo punto più profondo a 10.911 metri.

La simulazione appena diffusa

Ora abbiamo studi più approfonditi, grazie alle nuove tecnologie e agli 11 anni di nuove ricerche. Grazie ai progressi della scienza e della tecnica, possiamo dire che il video postato dallo scienziato James O’Donoghue, sembra quasi una foto della realtà. I precedenti avevano una risoluzione 1024×512, mentre ora il realismo è aiutato dalla risoluzione di 3840×2160. Il video è molto realistico, offrendoci uno scorcio affascinante e nello stesso tempo inquietante.

Possiamo quindi raffigurarci negli ex fondali oceanici, danneggiati da noi in questi anni. Arriveremo in questo caso ai fondali più profondi, non ci fermeremo ai 6000 metri. Potremo vederli anche ricoperti d’acqua, vedendo la vita intorno a noi come se fossimo immersi insieme agli abitanti abissali.