Home Salute & Benessere Come pulire bene le padelle antiaderenti senza rovinarle? Il trucco per farle...

Come pulire bene le padelle antiaderenti senza rovinarle? Il trucco per farle durare in eterno

CONDIVIDI

Sai come pulire bene e a fondo le padelle antiaderenti? Ecco il prezioso trucco affinché non si rovinino e durino intatte in eterno: zero sforzo e totale soddisfazione!

pulire padella antiaderente

Saper pulire perfettamemente le padelle antiaderenti è essenziale per farle durare in eterno, conosci il trucco prezioso per non farle rovinare?

A rovinarle ci vuole davvero un attimo, basta poco per fare danni irreparabili.

Oramai le padelle antiaderenti sono quelle più usate in cucina perché non servono eccessive dosi di condimento per cucinare ed evitare che i cibi si attacchino sul fondo e poi si puliscono con estrema facilità!

Avete detto addio alle ore perse a sgrassare le padelle normali con mille prodotti aggressivi e sgrassanti, fatica incalcolabile e spesso poca soddisfazione: queste padelle si puliscono in un battibaleno, ma bisogna saperlo fare nel modo giusto.

Sai quali sono i prodotti adatti e le spugnette che in assoluto devi evitare per pulirle senza rovinarle? Scopriamolo.

Come pulire le padelle antiaderenti senza rovinarle

Le padelle antiaderenti sono rivestite in teflon, un materiale che resiste alle alte temperature e permette ai cibi di non attaccarsi al fondo della padella.

Alcuni studi affermano che non siano salutari e che possono addirittura provocare problemi cardiaci ma molti altri smentiscono tali insinuazioni insistendo nell’affermare che dipende sempre dai materiali usati: se sono di prima qualità non si corrono pericoli.

Le pentole antiaderenti vanno pulite con cura e attenzione per non danneggiare il superficiale strato che va a contatto col cibo: se questo viene rovinato la funzione della padella stessa è compromessa.

Piuttosto che utilizzare saponi aggressivi e sgrassanti che potrebbero rovinare la padella è bene prediligere prodotti naturali come:

  • aceto
  • limone
  • acqua bollente

Questi tre elementi sono i più potenti e naturali prodotti sgrassanti per padelle antiaderenti che potrete utilizzare: non le rovinano in alcun modo, sono aggressivi contro lo sporco ma non nei confronti della padella.

Ricordate di non utilizzare mai spugnette abrasive per pulire queste padelle! Usate solo quelle morbide e di spugna leggera, possibilmente naturale.

Leggi anche: Come pulire la griglia del forno? I tre gesti essenziali

È importante non bagnare con acqua fredda la padella appena finito di cucinare o lo strato superficiale si rovinerà a causa dello shock termico ripetuto: attendete sempre che si sia raffreddata prima di lavarla, in questo modo la sua funzione sarà completamente preservata nel tempo.

Il trucco prezioso per farle durare in eterno

Ecco cosa dovete fare per pulire le padelle antiaderenti nel miglior modo senza rovinarle. Seguite questi 3 passaggi e in un battibaleno saranno brillanti:

  1. Dopo aver cucinato lasciate stiepidire la padella e poi mettetela subito a bagno.
  2. Riponetela la padella in ammollo nell’acqua bollente con 2 cucchiai di aceto o limone, basteranno 10 minuti.
  3. Aprite l’acqua tiepida e sciacquatela con del sapone per i piatti e la classica spugnetta per piatti morbida.

Strofinate le parti più incrostate e vedrete che in questo modo lo sporco verrà via subito.

Se non volete pulirle a mano potete lasciarle in ammollo 5 minuti con acqua calda e aceto e poi metterle in lavastoviglie.